A Rocchetta di Cerreto, tra storia e tradizioni, trionfa il tartufo nero

  • Letto 1092
  • Appuntamento domenica 13 agosto

    Storia, tradizioni, ed un borgo che sembra uscito da una favola: quello di Rocchetta, che il Fai ha scelto tra i “luoghi del cuore”.  Tra le mura del Castello di poggio risalente al sec. XIII, la cui denominazione deriva dal diminutivo di rocca, costruita a 793 metri sul livello del mare, in posizione dominante sulla Valle del Tessino, con cassero e torre di avvistamento, un tempo chiamata anche Rocca Oddi, domenica 13 agosto si celebra il trionfo dell’oro nero: il tartufo. Una festa, quella organizzata dalla locale Associazione di promozione turistica presieduta da Carlo Di Salvatore, che farà da preludio alle manifestazioni per il ventennale della stessa Pro Loco, in programma l’anno prossimo. Intanto, dopo una visita al borgo cinquecentesco, che ospita un piccolo gioiello come la chiesa parrocchiale di San Giacomo, la quale conserva affreschi del XVI secolo e tele del XVIII, un altare ligneo barocco proveniente da San Nicola ed un crocefisso ligneo del XV secolo, proveniente dalla Madonna del Verde, piccolo edificio votivo lungo la via per Monteleone, tutti a tavola per la maxi cena in piazza cui parteciperanno oltre 150 commensali.

    Due i menù proposti: uno con il profumatissimo tartufo estivo (costo 25 euro), proveniente solo ed esclusivamente dalle tartufaie della Comunanza agraria e che gli abitanti di Rocchetta hanno difeso con le unghie e con i denti dalle mire del capoluogo Cerreto, e uno senza tartufo, nel quale spiccano comunque i genuini salumi e formaggi locali prodotti ancora secondo le antiche usanze dei pastori e norcini dell’antico borgo (costo 15 euro). Il tutto annaffiato dall’ottimo vino pecorino della cantina Collevite. Durante la serata, musica dal vivo e giochi a premi.

    Pochi i posti ancora disponibili. E’ consigliabile, quindi, prenotarsi ai numeri 338 3737535 e 347 9900147 entro domani.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....