“Umbria, una terra che ti muove” 2020

  • Letto 685
  • Il Centro Umbro di Residenze Artistiche (CURA) a Spoleto, Sant’Anatolia di Narco e Vallo di Nera con tre progetti di residenza dedicati ai luoghi e al paesaggio

    “Umbria, una terra che ti muove” 2020 è il progetto di C.U.R.A. – Centro Umbro di Residenze Artistiche – nato nel 2019 per accompagnare i territori colpiti dal sisma nel 2016 e alcuni comuni dell’entroterra con azioni creative e processi artistici capaci di far emergere le identità e le specificità culturali delle popolazioni e di trasformarle in opere visibili e tangibili di artisti contemporanei.

    Passando dalla dimensione di emergenza a quella di ricostruzione, le attività culturali e i linguaggi artistici e performativi offrono occasione privilegiata di riformulare narrazioni e identità di comunità e territorio, performando alternative e risanando ferite grazie alla proiezione di un quotidiano sconvolto in un possibile futuro.

    Dopo l’esperienza maturata nel 2019 col contributo di artisti nazionali e internazionali il progetto riparte a fine agosto coinvolgendo i territori di Spoleto, Sant’Anatolia di Narco e Vallo di Nera con tre artisti impegnati in tre differenti territori e tre percorsi di ricerca che indagano gli ecosistemi naturali e antropologici nella fragile dimensione tra uomo e natura, passato e presente (o futuro) esplorando il patrimonio naturalistico e botanico, le caratteristiche morfologiche e le storie e i saperi connessi dando vita ad interventi che interpretano in chiave contemporanea sfumature offrendo occasioni speculative per creare connessioni tra comunità (umane e appartenenti a villaggi diversi) tra la sfera umana e vegetale in una visione alternativa del mondo vivente che mobilita radici e tradizioni nella creazione di momenti di scambio e possibili futuri funzionali.

    Il progetto si propone di lavorare sulla trasformazione dei luoghi grazie a processi artistici capaci di leggere il patrimonio intangibile e renderlo fisico, concreto con atti performativi e opere che possano dar vita ad interventi permanenti lavorando sul tema di “cosa resta” dopo che gli artisti hanno abitato un luogo a seguito dell’intervento effimero e transitorio per sua natura.

    Per il 2020 Il Centro C.U.R.A. si affida alla ricerca dell’artista umbro Gianni Moretti, dell’architetto e urbanista Luigi Greco e lo streetartist Alberonero. I tre giovani artisti saranno impegnati in residenza sui tre diversi territori per il periodo tra fine agosto e il mese di ottobre in percorsi di ricerca che porteranno alla creazione di opere temporanee sul dialogo uomo-natura, tradizione e futuro a partire dalle comunità locali depositarie di saperi e memorie inestimabili.

    Gli artisti coinvolti saranno invitati a vivere insieme e lavorare in dialogo con le comunità residenti indagandone il patrimonio immateriale, co-creandolo con le comunità, attraverso processi di scambio e partecipazione.

    Vivere un processo di trasformazione e lasciare un’opera concreta, o meglio, trasformare concretamente i luoghi attraverso opere e processi in grado di favorire un impatto sui territori naturali e umani e insieme favorire l’incremento dell’attrattività del territorio.

    C.U.R.A. – Centro Umbro di Residenze Artistiche è composto da Indisciplinarte srl di Terni, La Mama Umbria, International di Spoleto, Coop. GE.CI.TE. (Spazio Zut!) di Foligno, Centro Teatrale Umbro di Gubbio e Micro Teatro Terra Marique di Perugia, cinque realtà eterogenee per dislocazione geografica e vocazione estetica che dal 2015 offrono soluzioni innovative di ricerca e sviluppo nell’ambito delle arti performative sostenendo percorsi di residenza con artisti nazionali e internazionali. C.U.R.A. è un progetto sostenuto dal MIBACT e Regione Umbria nell’ambito del progetto nazionale di Residenze Artistiche, un progetto complesso e organismo multiforme che mira a ottimizzare e condividere le risorse in campo, creando un modello unico e innovativo per rafforzare il ruolo della regione Umbria in ambito nazionale nel settore dello spettacolo dal vivo e creare le condizioni per favorire crescita e sviluppo del tessuto artistico regionale al livello nazionale e internazionale.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....