Umbria dimenticata: la chiesa di Sant’Alò a Terni

  • Letto 604
  • Una perla nascosta che è stata sicura sede dei Cavalieri di Malta e forse in precedenza dei Templari – foto 

    (DMN) Terni – Nel centro storico di Terni, tra le vie del rione Rigoni, si nasconde una piccola perla del nostro territorio dimenticata per lungo tempo: la chiesa di Sant’Alò.
    La parrocchia, sorta tra l’XI e il XII secolo sui resti di un edificio di culto romano dedicato alla dea Cibele, come potrebbero testimoniare i due leoni posti all’ingresso che accompagnano la simbologia della dea pagana, prende il nome da Santo Aloysius, un orfano che visse alla corte dei Merovingi, patrono degli orfani e degli orafi.
    La chiesa nel tempo passò di mano dagli eremitani di Sant’Agostino alle monache francescane fino a giungere all’Ordine dei Cavalieri di Malta. Soppressa come parrocchia nel 1656 cadde poi in abbandono e fu utilizzata per lungo tempo come magazzino per il carbone. Ristrutturata nel secolo scorso è poi stata concessa in uso alla comunità ortodossa.

    All’interno di Sant’Alò spiccano due particolari interessanti tra gli affreschi: una croce patente e la raffigurazione della Maddalena con la coppa in mano, simboli di sicura valenza per l’Ordine dei Templari che potrebbe essere stato custode del luogo prima del passaggio ufficiale ai Cavalieri di Malta.
    Costruita in epoca romanica sfruttando materiale di precedenti strutture, presenta nelle mura esterne numerose parti di sculture romane e longobarde, utilizzate come decorazioni.
    Al suo interno la chiesa è divisa in tre navate da due file di colonne e pilastri nel classico stile delle chiese romaniche. Le nicchie nelle pareti e l’abside sono ricche di affreschi di epoca medievale, tra cui spiccano le curiosità di cui vi abbiamo parlato.
    Che sia stata o meno sede dei Templari, la chiesa di Sant’Alò conserva intatto il suo fascino storico che attraversa i secoli e ci mostra oggi un insieme di elementi romani e medievali perfettamente coniugati in un’opera architettonica unica.
    Ringraziamo per le foto della chiesa l’archeologa ternana Lavinia Ansidei esperta conoscitrice del nostro territorio e delle meraviglie che nasconde.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2021-08-22 07:48:48
    Eccheporc...me lo dici il giorno dopo?
    Eugenia Serafini 2021-08-18 10:00:46
    Non mi è chiaro il rapporto Festival di Spoketo 2021 e Premio Nobel . Eugenia Serafini
    Aurelio Fabiani 2021-08-14 20:44:53
    Zitti! E verognateve!
    Giovanni Cameli 2021-08-09 17:04:50
    Complimenti vivissimi per l'incarico ricevuto. Mi ricordo di te quando eri allievo del "Capitano" ai tempi del collegio; eri molto.....
    giorgio proietti 2021-08-02 11:46:07
    perchè parlare a vanvera sapete come sono successe le cose?