Torna “La domenica dei sogni” con Pinocchio

  • Letto 603
  • Domenica 15 gennaio al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

    Dopo il successo degli spettacoli “Chi ha rapito Babbo Natale”, della Compagnia Teatro Verde di Roma, vincitore del Premio Città di Aosta 2003, di Andrea Calabretta per la regia Pino Strabioli, e di “Sapore di sale. L’odissea di una sardina” della Compagnia La Baracca Testoni Ragazzi di Bologna, di Bruno Cappagli e Fabio Galanti, torna al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti un nuovo appuntamento della rassegna di Teatro Famiglia “La Domenica dei Sogni”.
     
    Domenica 15 gennaio, alle ore 16.30, sarà la volta della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus di Torino che porterà in scena “Pinocchio”. Lo spettacolo ideato da Luigina Dagostino, che ne ha curato anche la regia, con Claudio Dughera, Daniel Lascar e Claudia Martore, è in collaborazione con la Fondazione Bottari Lattes nell’ambito del progetto Vivolibro-Pinocchio 2017.
     
     
    Lo spettacolo accompagna il pubblico tra gli innumerevoli episodi del romanzo di Collodi. Accanto a quelli più famosi, alcuni passaggi meno noti, in cui il nostro protagonista si lancia a capofitto in un mondo che per lui è ancora tutto da scoprire e interpretare. Un’allegoria della società moderna, dove emerge il contrasto tra razionalità e istinto, fame e benessere, generosità e ricerca del profitto personale. Ma anche la complessità del mondo infantile, così come quella di un mondo adulto che non sempre ascolta e guarda davvero all’essenza delle cose. Pinocchio non è solo una storia per bambini, perché Pinocchio è ognuno di noi. 
    Gli attori, attraverso un gioco di continua trasformazione dei personaggi, propongono una storia dinamica e divertente, benché non manchino spunti di riflessione talvolta malinconici. Il protagonista intraprende un faticoso viaggio evolutivo, spinto dalla propria aspirazione al cambiamento: poter diventare qualcosa diverso da sé. In altre parole, cresce. E, nel viaggio, acquisisce maggiore consapevolezza, fino a fare il balzo finale e raggiungere la propria nuova identità. 
     
    I prossimi appuntamenti sono in programma per il 5 febbraio, “La fiaba di Celeste” della Compagnia La Piccionaia, di Gianni Franceschini e per il 12 marzo, “Annibale memorie di un elefante” della Compagnia Teatro Gioco Vita.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-02-07 08:55:12
    Il PD il nulla, sicuramente troppo, troppo poco,tardi e male e con strani mal di pancia. La Destra il tutto,.....
    Aurelio Fabiani 2024-02-02 20:14:13
    LA TESEI DI NASCOSTO VIENE ALL' OSPEDALE PER NON FARSI MALE. All' oscuro di tutti una volta arrivavano i ladri......
    Aurelio Fabiani 2024-02-01 12:32:14
    BASTA CON QUESTO RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ. LA LOTTA DEVE ESSERE PER GARANTIRE A OGNI TERRITORIO E A OGNI OSPEDALE DELLA.....
    AURELIO fABIANI 2024-01-19 18:15:42
    ABBIATE LA DECENZA DI FARE SILENZIO! Voi Governo del: " MI FACCIO GARANTE CHE TUTTO TORNERA' COME PRIMA, TUTTI I.....
    Aurelio Fabiani 2024-01-10 16:26:17
    Meglio tardi che mai. IERI I COMITATI SI SONO CONFRONTATI COL SINDACO. ADESSO VEDIAMO CHI VIENE A PERUGIA A CANTARLE.....