Taglio del nastro per la SpoletoNorcia in MTB 2023

  • Letto 470
  • A gonfie vele la prima giornata della decima edizione 

    Un bellissimo sole ha spazzato via il freddo e le nuvole degli scorsi giorni, illuminando piazza Garibaldi ed il campanile della chiesa di San Gregorio che ha fatto da scorcio all’inaugurazione della storica decima edizione de La SpoletoNorcia in MTB. Tutti gli stand aperti e tutte le attività in moto hanno fatto da contorno al palco in cui si sono susseguiti gli interventi di autorità e testimonal, gestiti da Ludovica Casellati.

    Prima del taglio del nastro ha parlato il presidente del Comitato Organizzatore Luca Ministrini, che ha ringraziato le istituzioni per il loro saper “supportare e sopportare” una manifestazione impegnativa come La SpoletoNorcia in MTB. È stata sottolineata anche la nuova collaborazione con Coldiretti, per confermare la vicinanza con il territorio. Spazio, poi, ai testimoniale: Chiara Coricelli, in rappresentanza dell’azienda main partner della manifestazione, Peppone Calabrese di Linea Verde, grande amico del territorio e Franca Fiacconi, già vincitrice della Maratona di Mew York, che incoraggerà i runners della nuovissima SpoletoNorcia Trail. Gli interventi “politici” degli assessori regionali Melasecche ed Agabiti e del vicesindaco di Spoleto Lisci hanno confermato la collaborazione migliore possibile con il Comitato Organizzatore sotto tutti i punti di vista.

    Dopo il taglio del nastro, è andata in scena la tavola rotonda “La SpoletoNorcia Inclusiva”, organizzata sotto l’egida de Il Sorriso di Teo, storico Charity Partner de La SpoletoNorcia in MTB. Sono intervenuti, oltre a Cristian Baroni, Michele Pelacci, giornalista di Alvento che si è innamorato dei colori della maglia de Il Sorriso di Teo in occasione di una edizione della Nibali; Alessandro Crespi, primo atleta ad avere realizzato una Everesting, con una diagnosi di sclerosi multipla accertata; Luca Panichi, coraggioso atleta disabile che ha più volte sfidato il percorso della Vecchia Ferrovia con la sua carrozzina e Daniela Isetti, membro del direttivo della Unione Ciclistica Internazionale, da sempre impegnata sul fronta dello sport inclusivo. Al termine di questo spezzone, il presidente di Remoove, Andrea Tomasoni ha confermato che la sua azienda, in collaborazione con la Fondazione Carispo ed altri sponsor, ha potuto mettere a disposizione, presso il Terminal Le Mattonelle, due mezzi che possano essere di sostegno alla mobilità inclusiva.

    Nella seconda parte della tavola rotonda, schietto confronto sulla sicurezza dei ciclisti sulla strada: protagonisti sono stati tra gli altri Francesco Ciro Scoto, responsabile della Fondazione Caracciolo e, soprattutto, Marco Scarponi, fratello del grandissimo fuoriclasse Michele, “ucciso” in un terribile incidente nel 2017 ed a cui è intitolata una fondazione che vuol tenere acceso il focus su questo argomento.

    Pomeriggio terminato con la combinazione “pinsa e birra”, con protagonista la chef Jacopo Martellini. 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....