SpoletoCammina compie un anno!

Un anno fa nasceva Spoletocammina…e sembra già passato tanto tempo!
Nato dall’incontro tra un gruppo di associazioni, coordinate da Cittadinanzattiva Spoleto, il Comune e la ASL Umbria 2 che da tempo stavano riflettendo sulla possibilità di costruire gruppi di cammino nella nostra citta, SpoletoCammina si proponeva di costruire insieme la salute attraverso la rete partecipativa , promuovendo stili di vita salutari, rafforzando la coesione sociale ed il senso di appartenenza alla comunità.
E dopo un anno di esperienza, senza interruzione due volte a settimana, decine e decine di cittadini hanno camminato per un’ora un quarto, l’obiettivo può dirsi certamente raggiunto.
Con SpoletoCammina hanno camminato in un anno in 110 uscite: 13.166 persone, percorrendo 614.9 km con una media di 137 presenze e una percorrenza di 5.9 km per ogni uscita su 18 percorsi realizzati al centro storico e periferia.
Il gruppo degli conduttori di Spoletocammina è costituito da 15 persone che formati dal Dr. Bicchielli Responsabile della prevenzione ASL 2 si rende disponibile volontariamente e gratuitamente a supportare degli amici che decidono di camminare insieme, osservando le regole del Codice Stradale.
Camminare di sera ha svolto anche una funzione civica di controllo sul territorio per la prevenzione della criminalità e degli atti vandalici: certamente in tal modo il territorio è stato maggiormente presidiato.BANNER-DUE-MONDINelle città di oggi i bambini non vanno più a scuola da soli, sembra impossibile andare a far spesa senza avere la macchina parcheggiata a due passi, abbiamo decretato la morte dei cinema dei centri storici perché psicologicamente non riusciamo a superare una barriera di 400 metri di distanza (tanto dista il parcheggio dal centro storico).
Le città antiche come Spoleto si scoprono meglio “a piedi” , ma ci sono anche delle belle periferie da scoprire: la lotta alla sedentarietà si unisce pertanto ad una riappropriazione delle proprie gambe e della nostra capacità di camminare nella città.
Camminare serve anche a rendere la gente più felice: cresce l’autostima e si liberano le endorfine. Si va a dormire felici e ci si sveglia contenti semplicemente con un’ora e un quarto di cammino a passo allenante nella città.
Spoleto Cammina non è trekking urbano perché non ci sono fermate: la priorità è la salute, ma camminare nella bellezza ha un valore più ampio e più completo.
Cittadinanzattiva, UISP, Atletica 2010, CAI, Associazione diabetici, Apaca, ANCESCAO, Croce Rossa italiana, Polisportiva dilettantistica La Fenice: sono le associazioni che hanno sostenuto in questo anno il progetto SPOLETOCAMMINA.
Il progetto è totalmente basato sul volontariato e su un piccolo impegno economico delle associazioni che coordinano (spese telefoniche, costi di gestione delle sedi). Il Comune e la ASL hanno sostenuto all’inizio le spese di comunicazione e la fornitura dei materiali di base (giubbetti e torce per i walking leader).
Dopo un anno qual è stato il valore di risparmio per la comunità in termini di costruzione della salute e benessere psicologico? Incalcolabile!!!
E… a dire dei partecipanti: E’DIVENTATO ORMAI UN APPUNTAMENTO IRRINUNCIABILE!!!

Cittadinanzattiva Spoleto

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
Francesco 2022-05-23 08:10:44
Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
Francesco 2022-05-18 23:11:12
Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
Pover fratello mio
fabien 2022-04-09 10:16:14
Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....