Spoleto, diagnosi e terapie all’avanguardia. Al via i lavori per l’installazione del nuovo acceleratore lineare multienergia

  • Letto 405
  • La nota dell’Azienda Usl Umbria 2

    Terminato il complesso iter procedurale per l’affidamento della fornitura, l’installazione e la manutenzione del nuovo acceleratore lineare multienergia di ultima generazione in dotazione all’ospedale “San Matteo degli Infermi”, sono iniziati questa mattina i lavori nel reparto di Radioterapia per allestire i locali che ospiteranno il nuovo macchinario.


    Gli interventi tecnici sono divisi in due fasi. La prima, in corso, prevede la realizzazione di una nuova sala di attesa e dei locali di servizio mentre il secondo step, al via dal 16 dicembre prossimo, l’allestimento del bunker, dei locali di alloggio e la sostituzione della strumentazione diagnostica e terapeutica.


    Verrà quindi installato l’acceleratore lineare (LINAC) multienergia di ultima generazione, per un importo complessivo di 4,2 milioni di euro, completo di sistema di record & verify, sistema di pianificazione radioterapica (TPS) e accessori per tecniche speciali, riposizionamento del paziente e dosimetria e di una TC per la diagnostica e la simulazione.

    “Si tratta di lavori strutturali e tecnologici di grande rilevanza – spiega il direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 dott. Massimo De Fino – che avranno un impatto importante sulle prestazioni diagnostiche e terapeutiche all’ospedale di Spoleto con previsione di raddoppio delle attività attraverso un utilizzo di 12 ore nell’arco della giornata. Sarà quindi possibile garantire risposte di qualità, nel segno dell’efficacia e dell’efficienza, abbattendo i tempi di attesa e al servizio di un bacino di utenza ampio”.

    Per l’esecuzione di tali interventi verrà temporaneamente sospesa l’attività del servizio di Radioterapia mentre continueranno ad essere garantite tutte le altre prestazioni ambulatoriali.


    Il nuovo macchinario, completo di Tac simulatore per Radioterapia, è un’apparecchiatura di ultima generazione per trattamenti radioterapici di alta precisione e dal punto di vista tecnologico rappresenterà un elemento di eccellenza della rete ospedaliera regionale e del servizio di Radioterapia dell’ospedale di Spoleto che esegue una media di 11.000 prestazioni all’anno per circa 400 pazienti.

     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....