Preci, il pastore Costantino Paolantoni torna a casa e… ringrazia!

  • Letto 1167
  • 6 mesi in una stalla, 4 anni in container e la spesa fatta dai Carabinieri durante il lockdown: Grazie a loro e agli amici

    di Manuele Fiori

    Finita l’odissea che lo costringeva a vivere in un container, il pastore di Roccanolfi di Preci, Costantino Paolantoni, amico della stampa spoletina vuole ringraziare pubblicamente chi, in questi anni di isolamento e lamiere forzate (sei mesi li aveva passati perfino in una stalla), lo ha sempre aiutato e gli ha permesso di tornare a casa sua già da qualche giorno.

    Sfrattato dal terremoto del 2016, Costantino e la sua famiglia sono tornati nelle quattro mura della loro casa di sempre, poco distante dal container dove hanno passato gli ultimi quattro lunghissimi anni. Una casa che sa di storia, per loro e per una frazione che resiste ai mutamenti geopolitici e temporali. Costantino infatti è uno dei pochi abitanti di Roccanolfi e non vuol sentir parlare di andarsene dalla sua terra che gli permette di vivere di pastorizia: un lavoro e una grande passione. Attivissimo anche sui social con la complicità dei figli Pietro e Donatella e della moglie Cinzia, documenta con foto e video la vita della Rocca. Risulta essere molto seguito, elemento di compagnia anche durante il lockdown che ha costretto l’Italia ai domiciliari, è ormai un punto di riferimento per i suoi numerosissimi amici che, ogni anno, lo festeggiano e lo vanno a trovare per due chiacchiere e un assaggio di buoni prodotti tipici di sua produzione.

    Amici che lo scorso sabato (1° agosto) ha raccolto nella sua restaurata abitazione per un rinfresco inaugurale.

    Per esserci di aiuto e non dimenticare nessuno ci consegna anche una missiva cartacea scritta di suo pugno il cui contenuto rimane privato ma che, tra le righe, ringrazia tutta la locale stazione dei Carabinieri, la Regione e l’ufficio ricostruzione di Foligno: “ringrazio pubblicamente il Maresciallo Rocco Domenico Guerriero, Giuseppe Zampella e tutta la caserma: è anche grazie a loro se oggi ho riavuto la mia casa e se, durante il periodo di quarantena, ho avuto chi pensava ad andarmi a fare la spesa”.

    Piccole grandi cose che accadono nel burocratizzato mondo di oggi dove i bisogni dei più comuni non rimangono inascoltati anche da una divisa propensa ad altri problemi.

    (nella foto, da sinistra, Costantino, Pietro e Cinzia)

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani Casa Rossa 2022-01-22 00:26:30
    Sono stato ad ascoltare alcuni interventi dell’assemblea indetta dai Confederali sul piano Sanitario Regionale. Per capire e per conoscere. Non.....
    casa rossa spoleto 2022-01-09 15:53:57
    La Lega deve tacere,punto. Ha fatto così tanti danni a partire dal massacro del nostro ospedale, dimezzato e di nuovo.....
    Casa Rossa 2021-12-31 10:04:36
    I governi degli affari non possono imparare. Sono lì per gli interessi particolari che rappresentano. Dopo le stragi di anziani.....
    Casa Rossa 2021-12-29 19:47:05
    Sempre più ecumenici i 5 stelle. Adesso ringraziano il candidato di Fratelli d'Italia e Lega. Come siete bravi! Avrebbe detto.....
    Casa Rossa 2021-12-29 19:41:09
    Strane dichiarazioni di Cintioli. Prima si arrabbia con i 5 stelle, perché lisciano il pelo al candidato di Fratelli d'Italia.....