Play out Serie B, Pescara-Perugia 2-1

  • Letto 234
  • Gara 1 é degli abruzzesi, umbri ‘condannati’ a vincere

    (DMN) Perugia – nulla é ancora scritto ma, di certo, la strada del Perugia verso la permanenza in Serie B si é fatta più in salita. In uno scontro come quello dello stadio ‘Adriatico’, tra due squadre in grave difficoltà, soprattutto mentale, già alla vigilia si sapeva che l’avrebbe spuntata la compagine che avrebbe agito più di ‘testa’. Alla fine le due squadre hanno giocato un tempo a testa ma il Pescara ha trovato un gol in più che le darà la possibilità di affrontare gara due allo stadio Curi con due risultati a favore su tre. Il Perugia é condannato a vincere per portare almeno la speranza ai calci di rigore. 

    Per quanto riguarda gara uno,  Oddo ha scelto un 3-5-1-1 con Vicario in porta, Rosi, Gyömber e Sgarbi in difesa, Mazzocchi, Kouan, Carraro, Falzerano e Falasco a centrocampo  con Capone a sostegno di Falcinelli. Solo panchina (che durerà fino al termine della gara) per il capocannoniere Iemmello. L’approccio alla ‘sfida per la vita’ da parte della squadra di Oddo é stato quello giusto. I biancorossi, senza strafare, hanno espresso un calcio ordinato e soprattutto hanno dimostrato di essere ‘sul pezzo’ rispetto alle ultime, indecenti, prestazioni. Il Perugia negli ultimi 20 metri però , come spesso accade,  commette errori grossolani che vanificano ogni tipo di sforzo di impostazione della manovra. Al 40′ della prima frazione é Kouan a sbloccare la situazione siglando la rete del vantaggio e, momentaneamente, ripagando le arrabbiature scaturite dalle situazioni sfortunate che recentemente lo avevano visto protagonista in negativo in zona gol (Cremonese e Trapani).

    Con la partita in mano sia dal punto di vista del risultato che da quello del gioco, la squadra di Oddo , nella ripresa ha guastato quanto di buono fatto nel primo tempo facendosi riprendere da Galano e superare da un calcio di rigore trasformato da Maniero. Solo Vicario ha evitato il peggio. 

    Il 2-1 finale fa apparire i fantasmi a Pian di Massiamo ma, allo stesso tempo, lascia ancora aperta la speranza. Non servono calcoli. Il Perugia é condannato a vincere per restare vivo.

    PESCARA: Fiorillo, Campagnaro, Scognamiglio, Memushaj, Pucciarelli (86′ Borrelli), Galano (86′ Bettella), Maniero (82′ Bocic), Palmiero (72′ Busellato), Zappa, Kastanos (82′ Crecco), Masciangelo. A disp.: Alastra, Del Grosso, Bruno, Elizalde, Clemenza, Pavone, Melegoni. All. Sottil

    PERUGIA: Vicario, Rosi, Carraro, Sgarbi (72′ Nzita), Mazzocchi, Falcinelli (72′ Melchiorri), Falzerano (63′ Buonaiuto), Falasco (85′ Dragomir), Kouan, Capone (63′ Nicolussi Caviglia), Gyomber. A disp.: Fulignati, Albertoni, Iemmello, Konate, Righetti. All. Oddo

    ARBITRO: Livio Marinelli della sezione di Tivoli (Christian Rossi della sezione di La Spezia e Edoardo Raspollini della sezione di Livorno)

    RETI: 40′ Kouan, 58′ Galano, 68′ (rig.) Maniero

    NOTE: Ammoniti Gyomber, Mazzocchi, Busellato

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2021-08-22 07:48:48
    Eccheporc...me lo dici il giorno dopo?
    Eugenia Serafini 2021-08-18 10:00:46
    Non mi è chiaro il rapporto Festival di Spoketo 2021 e Premio Nobel . Eugenia Serafini
    Aurelio Fabiani 2021-08-14 20:44:53
    Zitti! E verognateve!
    Giovanni Cameli 2021-08-09 17:04:50
    Complimenti vivissimi per l'incarico ricevuto. Mi ricordo di te quando eri allievo del "Capitano" ai tempi del collegio; eri molto.....
    giorgio proietti 2021-08-02 11:46:07
    perchè parlare a vanvera sapete come sono successe le cose?