Ospedale, continua la mobilitazione di City Forum, Associazioni e Comitati

  • Letto 182
  • Il comunicato stampa

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Molti cittadini chiedono azioni concludenti sulla rivendicazione dell’Ospedale DEA di Spoleto e del suo Punto Nascita. Il City Forum unitariamente con i Comitati ha promosso manifestazioni e porta avanti una battaglia che si identifica con la vita della città, ma non è il Consiglio Comunale né l’Amministrazione né un partito. Abbiamo proposto a Sindaco e tutti i consiglieri comunali una mozione che rispecchia la volontà popolare praticamente unanime: riattivazione immediata del Punto Nascita, Pediatria, Cardiologia, Chirurgia urgente, Traumatologia, Rianimazione; revoca del Progetto Polo Foligno-Spoleto che degrada il “San Matteo” a luogo geriatrico, ambulatoriale e modeste attività programmate; diffida a Regione e ASL ad interrompere tutte le subdole attuazioni in corso di simile progetto; ripristino di tutti i Reparti attivi all’ottobre 2020, momento della inopinata covidizzazione; condizioni per riaprire un tavolo di confronto per concordare le modalità di messa in rete dell’Ospedale di Spoleto, una volta riportato a tutte le prestazioni DEA, con gli altri nosocomi dell’Umbria. Visto il documento modificato dalla IV Commissione per il Consiglio Comunale, rileviamo che esso riproduce equivoci che ci lasciano insoddisfatti e lascia trasparire compromessi politici e intenti diversi dagli interessi generali.

    Manca la priorità assoluta del Punto Nascita tra i Reparti da riattivare, che invece è tassativa ed è fondamento del DEA. Continua a legare senza alternative il futuro all’integrazione Foligno-Spoleto, fornendo alibi alle manovre di Regione e USL su primariati e dipartimenti a danno del “San Matteo”. Vedremo se i gruppi politici correggeranno il tiro in Consiglio, al quale parteciperanno sicuramente i cittadini per constatare di che panni veste ogni singolo rappresentante. Certo, al momento i partiti sono molto deludenti. Il PD, anche nel suo convegno, butta la palla in tribuna e fa rettorica sulla sanità pubblica in generale, senza che i suoi esponenti parlamentari e regionali si impegnino minimamente sull’Ospedale DEA di Spoleto. Il resto della maggioranza resta al traino, solo a puntellare l’atteggiamento evasivo del Sindaco. FdI e Lega si preoccupano di difendere l’indifendibile operato di Giunta Regionale e USL, in contrasto con buona parte dei loro stessi simpatizzanti nel comprensorio. City Forum, Associazioni e Comitati confermano la mobilitazione cittadina e informeranno l’opinione pubblica.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....