“Non é il momento di fare polemica, chiediamo alla Presidente della Regione di rassicurare ufficialmente la popolazione spoletina”

  • Letto 1270
  • La nota dei 10 consiglieri firmatari della mozione per l’ospedale

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Come dicono molti, ma pochi realmente l’hanno fatto, non è il momento di fare polemica.
    Infatti , noi figli del 2020 , se per fortuna non abbiamo vissuto una guerra , stiamo però vivendo una situazione che molto gli assomiglia. I numeri ormai ogni giorno dimostrano un’impennata esponenziale dell’epidemia; in Umbria il numero crescente di contagiati è una prova della situazione gravissima che stiamo vivendo dove la nostra unica difesa è il distanziamento e l’indossare la mascherina.
    In questa situazione di emergenza sanitaria , seppure in ritardo, sono stati predisposti negli ospedali dei reparti covid ed ora si devono trovare più posti letto per i malati e ovviamente in ogni struttura sanitaria sono stati ridotte o temporaneamente sospese il resto dell’attività.
    L’ospedale di Terni e di Perugia hanno interrotto tutte le attività chirurgiche in elezioni e le attività ambulatoriali non procrastinabili. Si stanno allestendo ospedali da campo. È una misura mossa in emergenza per dare a tutti la possibilità di essere ricoverati se necessario.

    Ecco, questo è stato lo spirito della nostra mozione. Il nostro senso di responsabilità non poteva farci condividere in questo momento un documento che invocava un’azione legale , che tra l’altro nell’immediato non avrebbe impedito l’ordinanza. Adesso è il momento per la politica di non esasperare una situazione già critica ma di agire a livello istituzionale cercando di portare avanti le necessità della nostra città in modo costruttivo e collaborativo.
    Tutti vogliamo che il nostro ospedale funzioni a pieno e per questo vigileremo sul nuovo piano sanitario regionale affiche avvenga realmente una integrazione tra i due nosocomi di Spoleto e Foligno e che ovviamente ciò non penalizzi il nostro ospedale .
    Chiediamo alla Presidente della Regione di rassicurare ufficialmente la popolazione spoletina sul futuro dell’ospedale e sulla gestione durante l’emergenza del pronto soccorso per tutti i casi non covi.

    Antonio Di Cintio,

    Stefano Polinori,

    Paola Vittoria Santirosi,

    Cesare Loretoni,

    Riccardo Fedeli,

    Stefano Proietti,

    Marina Morelli,

    Giammarco Profili,

    Roberto Settimi,

    Ilaria Frascarelli

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    One Comment For "“Non é il momento di fare polemica, chiediamo alla Presidente della Regione di rassicurare ufficialmente la popolazione spoletina”"

    1. Viscos
      Ottobre 23, 2020

      .. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda… E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della TESEI le dimissioni vanno chieste del Direttore Generale del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario i veri responsabili di questa scelta sciagurata… Via subito… Ma naturalmente i dottori in consiglio comunale non possono dirlo. Via subito… A casa tornate a Lagonegro

      Rispondi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....