“La manutenzione della Ciclabile Spoleto-Assisi non è di nostra competenza”

I chiarimenti del Consorzio della Bonificazione Umbra

Ormai da alcuni anni – si legge in un comunicato stampa –  e sempre in modo più assiduo, il Consorzio della Bonificazione Umbra, è il bersaglio di segnalazioni nelle quali viene chiamato in causa in merito alla competenza, ordinaria e straordinaria, della pista ciclabile Spoleto-Assisi.
Assistiamo infatti a molti post sui social network, dove si imputa questa responsabilità al Consorzio della Bonificazione Umbra causando disinformazione al riguardo.
La realtà dei fatti è che il Consorzio della Bonificazione Umbra è stato incaricato dalla Regione Umbria in qualità di concessionario per la progettazione e l’esecuzione dei lavori, a carico del finanziamento regionale, della pista ciclabile Spoleto-Assisi.
L’opera è stata realizzata e consegnata dal Consorzio della Bonificazione Umbra alla Regione Umbria nel 2015 ma non è mai stato individuato come soggetto affidatario della gestione dell’opera.
Quindi il Consorzio della Bonificazione Umbra non ha alcun obbligo né di esecuzione di manutenzione straordinaria né di esecuzione di manutenzione ordinaria sul tracciato, parte del quale in sede propria e su viabilità secondaria.
E’ noto che l’intero percorso è oramai oggetto di intensa promozione turistica da parte della Regione Umbria e di alcuni dei Comuni interessati, trattandosi, senza dubbio, di un tratto distintivo e qualificante dell’offerta turistica dei nostri territori e opera caratterizzante quel turismo verde e sostenibile per lo sviluppo del quale sono state investite ingenti risorse.

Si ritiene che la lunghezza del percorso, la varietà dei suoi tratti, l’aumento costante dei fruitori e il verificarsi di ripetuti atti vandalici alla segnaletica di supporto, rendono oramai improcrastinabile l’individuazione di un soggetto gestore per far fronte alla manutenzione programmata e anche al fine della individuazione delle responsabilità sulla sicurezza del tracciato.
Perdurando infatti la attuale situazione, il degrado dell’opera, che è facilmente visibile dalle numerosissime foto rinvenibili sulle pagine social locali, potrebbe addirittura rendere necessario, la chiusura di alcuni tratti non più percorribili in sicurezza.
Il Consorzio della Bonificazione ha più volte segnalato ai competenti uffici della Regione Umbria, il problema in essere.
Le prime lettere in tal senso sono state inviate nell’anno 2009 e l’ultima è datata 12.05.2020. In particolare, le missive sono state inviate nel maggio 2009, nell’agosto 2011, nel giugno 2013, nell’agosto 2015 e nel maggio 2020. Si precisa inoltre che la lettera del 24 agosto 2015 è stata firmata, insieme con il Presidente del Consorzio della Bonificazione Umbra, anche dai Sindaci dei Comuni di Bevagna, Campello sul Clitunno, Cannara, Montefalco, Foligno, Spoleto e Trevi.
Il Consorzio della Bonificazione Umbra, – conclude la nota stampa –  quindi ribadisce la sua non competenza relativamente alla manutenzione della ciclovia.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
giotarzan 2022-12-24 15:05:16
questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
Massimo 2022-12-23 12:45:07
In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....