Area sgambamento cani, Sisti: ”Daremo continuità al lavoro svolto dalla precedente amministrazione: questo è un luogo da valorizzare”

L’area sgambamento cani di Spoleto ha festeggiato il primo anno di vita.  Foto

Un appuntamento per festeggiare il primo anno dell’area dedicata allo sgambamento dei cani. Tante le persone che, in compagnia dei loro amici a quattro zampe, hanno partecipato ieri, domenica 7 novembre, alle varie iniziative organizzate nell’area verde situata dietro Spoletosfera. 
 
A fare gli onori di casa, insieme a Giulia Federici, Presidente del Rotaract di Spoleto e a Federica Faiella, vicepresidente della Fondazione Cave Canem, il sindaco Andrea Sisti e l’assessore Agnese Protasi
 
Daremo continuità alla gestione e alla manutenzione di questa area, realizzata dall’amministrazione comunale precedente – ha spiegato il sindaco Sisti ringraziando per il lavoro svolto l’ex assessore all’ambiente Maria Rita Zengoni, presente all’iniziativa – È un luogo da valorizzare anche per restituirgli una dimensione di maggiore vivibilità. In generale dobbiamo migliorare nella gestione degli interventi che realizziamo e, rispetto a ciò, lavoreremo anche con le associazioni del territorio con l’obiettivo di migliorare il decoro urbano”.
 
Gli animali sono fonte di benessere enorme e dobbiamo averne cura – sono state le parole dell’assessore Protasi – Ringrazio Boba Wash e il movimento animalista ‘Il Grande sogno’ per la cura con cui gestiscono il canile, il Rotaract di Spoleto che si è preso un impegno così grande nel diffondere una cultura di attenzione, la F​ondazione Cave Canem perché il progetto ‘Fuori dalle gabbie’ è un ponte per collegare ulteriormente la Casa di reclusione al territorio”.   
 
L’area dedicata allo sgambamento dei cani – tra i tanti presenti ieri anche Serenella, recentemente arrivata al canile comunale e pronta per essere adottata – è nata da un’idea del Rotaract Club di Spoleto, che ha contribuito economicamente alla realizzazione dell’area, il progetto ha visto anche la collaborazione della Fondazione Cave Canem, impegnata dal 2019 nel progetto ‘Fuori dalle gabbie’ che sta coinvolgendo i detenuti della Casa di Reclusione di Maiano e l’attuazione e il finanziamento dell’Agenzia Forestale Regionale. 
 

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Aurelio Fabiani 2022-06-30 06:49:11
Sicuramente il Sindaco Sisti sull 'ospedale e' più muto di una mummia, ma un comunicato come questo del City Forum.....
Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
Francesco 2022-05-23 08:10:44
Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
Francesco 2022-05-18 23:11:12
Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
Pover fratello mio