Galleria chiusa, gli abitanti di Scheggino, Sant’Anatolia e Vallo di Nera protestano

  • Letto 665
  • I residenti infuriati per la chiusura anticipata, annunciata il giorno stesso, della galleria di Forca di Cerro

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Protesta ieri sera a Sant’Anatolia di Narco da parte delle comunità di Scheggino, Sant’Anatolia e Vallo di Nera, per la chiusura anticipata, annunciata il giorno stesso, della galleria di Forca di Cerro. Intorno alle 21,30 lungo la strada statale 685 Tre Valli si sono ritrovati ristoratori, esercenti e amministratori dei tre comuni per verificare la chiusura effettiva della galleria (che in realtà è avvenuta soltanto intorno alle 23.15) e protestare contro questa ulteriore ordinanza di Anas, che ha sconvolto la Valnerina arrivando di fatto all’ultimo secondo. 

    Gli abitanti ne hanno avuto informazione solo tramite i canali Facebook dei singoli comuni che si sono prodigati di avvertire la comunità. Soltanto nel tardo pomeriggio di lunedì – da quanto abbiamo appreso – è stato diffuso un comunicato stampa da parte di Anas per avvertire residenti, attività, turisti di un cambio sostanziale all’orario di chiusura. 
    In data 5 settembre Anas aveva comunicato che dal 3 ottobre la galleria di comunicazione fra Spoleto e Sant’Anatolia di Narco, denominata Forca di Cerro, sarebbe stata chiusa dalle ore 22.00 alle ore 06.00 dal lunedì al venerdì.
    La mattina del 3 ottobre, il giorno stesso quindi, è arrivata al protocollo dei comuni l’ordinanza di chiusura della galleria con il cambio orario, quindi dalle 21.00 alle 06.30.
    Davvero una bella sorpresa per tutti, soprattutto dei ristoranti, bar, attività ricettive che avevano in qualche modo fatto affidamento su un orario che avrebbe permesso ancora, seppur in maniera ridotta, la fruizione dei servizi offerti. Con la chiusura alle 21.00 questo è impossibile e la chiusura delle attività praticamente necessaria. Tutti ribadiscono l’importanza della messa in sicurezza e dei lavori di adeguamento per un tunnel di 4,5 km che è una così importante via di collegamento. Ma il totale disinteresse da parte di chi fa i lavori di almeno comunicare in maniera adeguata ci fa pensare che la Valnerina sia davvero un’area interna dimenticata dalle istituzioni.
    Chiaramente, nonostante la nuova ordinanza, i cartelli di deviazione per la chiusura serale ancora riportano l’orario di settembre: dalle 23.00 alle 06.00.
    I responsabili Anas devono dare qualche spiegazione a chi ne sta fortemente pagando le conseguenze di questo totale disinteresse verso la popolazione che abita queste zone.
     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-11 09:58:47
    Avete già firmato il 22 ottobre 2020, con la chiusura dell' Ospedale San Matteo. Ci basta quella per conoscere gli.....
    Trevi, al via domani in Umbria una due giorni di convegno sul tema "La cooperazione internazionale come strumento di sviluppo". Notizie da entrambi i mondi - GORRS 2024-02-29 23:47:10
    […] Source link […]