Casa Rossa: “No all’incenerimento di CSS nei cementifici”

  • Letto 1048
  • L’associazione culturale spoletina presente alla manifestazione sotto le finestre del Consiglio Regionale 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    OGGI ABBIAMO PARTECIPATO ATTIVAMENTE SOTTO PALAZZO CESARONI ALLA PROTESTA POPOLARE CONTRO IL PROCESSO AUTORIZZATIVO MESSO IN ATTO DAL GOVERNO REGIONALE, LEGA FRATELLI D’ITALIA, DI BRUCIARE IL CSS NEI CEMENTIFICI CHE SI TROVANO COME TUTTI SANNO A SPOLETO E A GUBBIO.

    Folti gruppi di cittadini, associazioni e comitati, di diverse città: Gubbio, Terni, Spoleto, Perugia, Todi-Marsciano, hanno fatto sentire forte la loro voce per dire un NO a ogni possibilità di incenerire i rifiuti nella nostra regione.

    I governi della Regione cambiano, i padroni delle aziende cambiano ma la politica rimane sempre la stessa. Volevano la Centrale a Biomasse a Santo Chiodo all’inizio del 2000, un decennio dopo tentarono a Madonna di Lugo, ora ci riprovano con l’ex Cementir (oggi Italcementi-Colacem).

    La salute dei cittadini di Spoleto è a rischio di nuovo, così come succede a Ternì dove gli inceneritori sono presenti da anni o a Gubbio dove si trovano due colossi cementieri Barbetti e Colacem.

    Tutto questo a fronte di una raccolta differenziata inadeguata e caotica che a Spoleto raggiunge le vette più negative.

    Oggi abbiamo iniziato ma è tempo di muoversi in tanti e subito.

    Non vogliamo però tra i piedi trasformisti che usino le preoccupazioni della popolazione per le loro carriere politiche e le lotte per l’ambiente come base di lancio. A metafora ed esempio di ciò basti ricordare quel politico che in tuta bianca al bocciodromo di San Giacomo sbraitare contro la centrale che doveva nascere allo stabilimento Coricelli e oggi approdato in quel partito, la Lega che sta avviando in Umbria i processi autorizzativi per bruciare il CSS nei cementifici.

    Associazione Culturale CASA ROSSA

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....