Altro grande successo per il Teatro Lirico Sperimentale

  • Letto 275
  • La comicità senza tempo degli Intermezzi conquista Spoleto 

    Lunghi applausi al Caio Melisso per gli Intermezzi del ‘700 – quest’anno in scena con L’ammalato immaginario di Leonardo Vinci e La franchezza delle donne di Giuseppe Sellitti .

    Anche quest’anno, la comicità senza tempo degli intermezzi napoletani – nato con l’obiettivo di intrattenere durante le rappresentazioni di opere serie – ha entusiasmato i numerosi spettatori presenti in teatro. È incredibile quanto queste perle del patrimonio musicale italiano, semplici e leggere, abbiano conservato tutto il loro fascino, e, ora come allora, sappiano coinvolgere il pubblico in modo unico.

    Sapiente e vivace la direzione di Pierfrancesco Borrelli, alla guida dell’Ensemble strumentale del Teatro Lirico di Spoleto; di grande talento e inventiva il maestro al cembalo Davor Krkljus. Ha riscosso grande successo la regia di Andrea Stanisci – anche curatore dell’allestimento scenico – che ha caratterizzato ciascuno dei due intermezzi in modo diverso, creando però un fil rouge tra i due, che si ritrova proprio nell’umorismo e nell’ironia che identifica il genere, e che ha sorpreso soprattutto nel finale. Un ulteriore punto di forza i costumi di Clelia De Angelis e le luci di Eva Bruno.

    Brillanti le performance dei cantanti vincitori o idonei dei Concorsi “Comunità Europea” per giovani cantanti lirici di Spoleto 2021 e 2022: Elena Finelli e Alberto Petricca nell’Ammalato immaginario, Sara Cortolezzis e Davide Peroni nella Franchezza delle donne. Ciascuno ha dato prova del proprio talento vocale, ma soprattutto ha portato in scena la vivacità di ciascun personaggio dimostrando grandi doti attoriali. Da ricordare anche i mimi Vania Ficola e Valentino Pagliei, imprescindibili spalle comiche.

    In scena questa sera Jennifer Turri e Matteo Lorenzo Pietrapiana nell’Ammalato immaginario, Elena Antonini e Davide Romeo nella Franchezza delle donne; domani sera: Elena Finelli e Matteo Lorenzo Pietrapiana nell’Ammalato immaginario ed Elena Salvatori e Davide Peroni nella Franchezza delle donne.

    Lo spettacolo è in collaborazione con il Centro Studi Pergolesi – Università degli Studi di Milano e reso possibile grazie al sostegno della Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini.

    I biglietti sono acquistabili presso le rivendite autorizzate Ticket Italia e online al seguente link: https://www.tls-belli.it/stagione-lirica-2022. Per informazioni scrivere a info@ticketitalia.com oppure chiamare i numeri 0743.222889 / 338.8562727 / 0743.221645.

    Lo spettacolo prevede un ingresso speciale riservato alle scuole: 5€ ingresso studenti (gratuito sotto i sei anni) e 7€ ingresso genitori accompagnatori.

    Le attività 2022 sono rese possibili grazie a Ministero della Cultura, Regione Umbria, Comune di Spoleto, Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini e grazie alla collaborazione della Provincia di Perugia e dei Comuni di Perugia, Città di Castello, Foligno, Terni e Todi.

    La 76ma Stagione Lirica Sperimentale di Spoleto e dell’Umbria gode del patrocinio di Rai Umbria.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Michele Zicavo 2022-11-30 10:07:50
    Ringrazio tutta la Redazione per l'attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti di questi meravigliosi ragazzi e del progetto "Calcio.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-28 21:38:55
    Ben arrivati. Il treno della protesta è partito 55 giorni fa. Comunque vediamo che volete fare.
    Aurelio Fabiani 2022-11-23 10:23:54
    INTITOLARE UNA STRADA A GINO STRADA. OTTIMA PROPOSTA. MA SE POI FAI LA STRADA OPPOSTA, QUESTA PROPOSTA NON E' UNA.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-16 20:52:40
    Vigilare sul previsto? Hanno già fatto. Chiuso il punto nascite. A chi tiene in mano le chiavi del city forum.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-08 06:56:41
    Hanno anche il coraggio di parlare!