17 marzo – Giornata dell’Unità nazionale: il messaggio del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale

  • Letto 1140
  • Il 17 marzo si celebra la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera”. Una grande festa in occasione della ricorrenza del giorno di 155 anni fa in cui è stato proclamato il Regno d’Italia.

    Il 17 marzo 1861 è una data che rappresenta non solo l’approdo di un lungo e difficile percorso di unificazione nazionale, ma anche l’inizio di una Storia comune.BANNER-DUE-MONDIQuesta ricorrenza, istituita come festività civile il 23 novembre del 2012 con la legge n. 222, ha l’obiettivo di ricordare e promuovere i valori di cittadinanza e consolidare l’identità nazionale attraverso la memoria civica.

    “Questa giornata deve essere per tutti noi, senza alcuna distinzione” è il messaggio del Sindaco Fabrizio Cardarelli e del Presidente del Consiglio comunale Giampiero Panfili – “un momento di ricordo e di riflessione, un’occasione per riaffermare ulteriormente le nostre radici comuni, come Stato e come popolo italiano”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    carlo 2021-06-11 16:33:03
    Ho visto spesso, dato che ci passo quasi tutte le mattine, qualche operaio a estirpare queste erbacce, ma poi ,.....
    carlo 2021-06-11 16:28:35
    E poi mi vengono a parlare di "digitalizzazione"| Ma dove, se le strutture sono ancora quelle dei tempi di Marconi?
    Aurelio Fabiani 2021-06-09 12:59:23
    Di nuovo il Centro sinistra. Cioè la solitaminestra liberale e liberista che dietro la difesa dei diritti civili nasconde la.....
    Paolo Marchetti 2021-06-09 06:10:45
    Giovanni Falcinelli non è stato solo un maestro di musica. Giovanni Falcinelli è stato innanzitutto un grande educatore per generazioni.....
    Aurelio Fabiani Casa Rossa 2021-05-25 08:40:16
    Si delude chi si illude. Questo debito per la città è colpa anche di chi ha dato credito alle promesse.....