• Letto 1296
  • Ospite donore la restauratrice Adriana Gaggi. Giovedì 6 aprile ore 17,30 a Palazzo Collicola

    Ultimo appuntamento della stagione con il Tè delle signore chiacchiere tra donne che hanno qualcosa da dire. Giovedì 6 aprile, alle ore 17,30 a palazzo Collicola (ingresso San Domenico), lospite donore è Adriana Gaggi, restauratrice.

    Il Tè delle signore, a cura dellAssociazione Teodelapio, si propone come omaggio alla cultura del tè e al contempo come piacere del racconto conviviale. Viene allestita una sala da tè aperta in cui le donne si riuniscono per parlare liberamente di attualità, di politica, di cultura, di questioni sociali, di costume, di problemi locali. Ogni incontro avrà unospite donore: una donna che illustrerà alle altre ospiti la sua attività particolare, le sue realizzazioni, i suoi progetti a fini di possibili collaborazioni o di semplice conoscenza.

    Un’esperienza qualificata e multiforme che si è espressa in vari campi contraddistingue il curriculum di Adriana Gaggi che ha lavorato su materiale lapideo a Preci, Norcia, al Tempietto di Campello sul Clitunno e a Roma allArco degli Argentari e San Giorgio al Velabro. La sua attività di restauratrice si è esercitata anche su tantissime opere murali: in Umbria a Norcia nella Chiesa di San Salvatore, allAbbazia di San Pietro in Valle-, al refettorio della Basilica di S. Maria degli Angeli e alla Basilica superiore di San Francesco, a Spoleto alla Cappella degli Eroli e abside del Duomo, alle Storie di Cristo , otto affreschi  del Maestro delle Palazze ora collocati al Museo del Ducato e ancora a Orvieto, Cascia, Sellano, Terni, Scheggino, Foligno… e in tante città italiane, quali Roma(Palazzo Lateranense), Napoli ( Duomo), Chioggia, Matera, Viterbo, e Padova (affreschi di Giotto alla Cappella degli Scrovegni).

    Rilevante il suo contributo di restauratrice anche sui dipinti su tela: a Spoleto, Norcia, Preci, Gubbio, Perugia, Assisi, Spello, Foligno, Trevi, Gualdo Tadino e in numerose città italiane quali Roma, Ferrara, cimentandosi con opere del Perugino, Luca Signorelli, Andrea del Sarto, Scuola di Nicola Pisano, Alberto Sotio, Girolamo di Giovanni, Antonio Sparapane fino a Giovanni Boldini.BANNER-DUE-MONDItè-locandina-658x1603

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....