Spoleto, firmata la convenzione tra l’istituto Alberghiero e l’Alliance Française

  • Letto 1034
  • Il De Carolis diventa “Lieu de Passation” di esami di certificazione DELF per le scuole del territorio, oltre che per gli alunni interni 

    La firma ufficiale, il 28 gennaio nell’Aula Magna del San Paolo, della convenzione tra l’Ipseoasc “G.de Carolis” e l’Alliance Française ha confermato la centralità di Spoleto, nell’offrire la possibilità a tutti gli studenti e studentesse del territorio di conseguire la certificazione linguistica.

    Nella breve ma piacevole cerimonia che ha accompagnato la firma tra la dirigente scolastica, Roberta Galassi e Madame Christina Bisson, presidente dell’ Alliance Française di Foligno, la rinnovata collaborazione tra le due istituzioni farà di Spoleto “Lieu de Passation” di esami di certificazione DELF per le scuole del territorio, oltre che per gli alunni interni del De Carolis.

    La dirigente scolastica, Roberta Galassi, ha messo in risalto come l’atto formale della convenzione esplicita l’impegno della scuola nel rendere la lingua francese, basilare nel mondo della cultura e della professione, una competenza di cittadinanza europea.

    Questa capacità del “G. de Carolis” di costruire ponti per tutte le scuole del comprensorio, è stata sottolineata anche dall’assessore Luigina Renzi che, impegnata istituzionalmente, ha voluto essere presente all’importante evento cittadino, con un contributo video.

    Christina Bisson, nel suo intervento pieno di verve, ha ribadito le opportunità della certificazione ma ha anche ascoltato e dialogato con gli studenti e le studentesse che hanno raccontato la loro esperienza Erasmus in Normandia, lo scorso anno. Nella loro esposizione, rigorosamente in Francese, hanno sottolineato la validità dell’esperienza che, come evidenziato dal professor Paolo Diotallevi, responsabile d’Istituto per l’internazionalizzazione e per l’Erasmus, ha incluso, per la prima volta lo scorso anno, la Francia e visto il bilancio, quest’anno saranno 20 gli/le studenti/esse che andranno a Trouville sur Mer e, anticipazione, in base all’andamento pandemico, si potrebbe ipotizzare un corso Clil per docenti, proprio in Francia.

    Convinta sostenitrice dell’importanza per i giovani e le giovani di una certificazione prestigiosa, con un ruolo determinate in questa costante azione di valorizzazione della lingua francese, è la professoressa Antonella Tassi, referente DELF per l’Istituto e punto di riferimento per tutti coloro che vorranno conseguire la certificazione.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio
    fabien 2022-04-09 10:16:14
    Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....
    Aurelio Fabiani 2022-04-02 17:20:04
    Bene, è importante solidarizzare con chi scappa dalla guerra, ma ci sarebbe piaciuto che i Grifoni di tutta la terra.....