Spoleto, ecco il nuovo Auditorium della Stella

  • Letto 1195
  • Lavori di riqualificazione voluti e messi in atto dalla Fondazione Festival dei Due Mondi

    Si è svolta questa mattina, alla presenza del Presidente della Fondazione Festival dei Due Mondi Andrea Sisti, dell’Assessore alla Valorizzazione della rigenerazione identitaria urbana, rurale, produttiva e delle infrastrutture sostenibili Manuela Albertella, della direttrice artistica Monique Veaute e della direttrice amministrativa e organizzativa Paola Macchi, la visita all’Auditorium della Stella dopo i lavori di riqualificazione voluti e messi in atto dalla Fondazione Festival dei Due Mondi.
    Gli interventi, interamente rimovibili e non strutturali, hanno riguardato la realizzazione di una tribuna interamente in legno da 100 posti, il rifacimento della pedana del palcoscenico e dei camerini, oltre alla ritinteggiatura delle pareti e all’allestimento di uno spazio Foyer e biglietteria. La ritinteggiatura è stata decisa insieme alla Soprintendenza per realizzare uno spazio capace di valorizzare l’illuminazione necessaria per gli spettacoli, molto difficile con il colore bianco.
    La Fondazione Festival dei Due Mondi ringrazia Italmatch Chemicals per aver incrementato il suo contributo al Festival al fine di partecipare alla riqualificazione e contribuire stabilmente nei prossimi anni.

    «Il nuovo Auditorium della Stella è la prima pietra per la riqualificazione di questa area di Spoleto. La collaborazione con la Fondazione è stata molto efficace ha portato alla valorizzazione di un luogo che è per tutta la città, uno spazio importante che permetterà di ospitare eventi tutto l’anno» ha detto l’Assessore Manuela Albertella.

    «Quando abbiamo visto questo spazio quasi semi abbandonato ci siamo resi conto che era fantastico, anche perché essendo proprietà del Comune era giustificato l’investimento nel lungo periodo. Vogliamo continuare, perché siamo convinti che l’obiettivo di un Festival sia quello di investire nella città» ha commentato la direttrice artistica Monique Veaute.

    «Credo che questo spazio parli da solo ed esprima ora tutte le sue potenzialità. È un investimento fatto dalla Fondazione, che ha accantonato tutte risorse necessarie per circa 150.000 euro, a cui si è aggiunto Italmatch Chemicals che ha deciso di incrementare il suo contributo al Festival e di sostenerci anche nei prossimi anni» conclude la direttrice amministrativa e organizzativa Paola Macchi.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....