Solennità di Maria Santissima Madre di Dio. Mons. Boccardo: «Maria è con noi, teneramente sensibile alle necessità di ogni uomo»

  • Letto 793
  • Lunedì 9 gennaio celebrazione di suffragio nel Duomo di Spoleto per Benedetto XVI

    Il pomeriggio del primo dell’anno, 1° gennaio 2023, l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo ha presieduto il pontificale di Maria Santissima Madre di Dio nella Basilica Cattedrale di Spoleto.

    Celebrazione diocesana di suffragio per Benedetto XVI. Anche in questa celebrazione il pensiero e la preghiera sono andati al papa emerito Benedetto XVI, morto il 31 dicembre: “Ricordati, Signore del Papa emerito Benedetto XVI che hai costituito successore di Pietro e pastore della tua Chiesa, e donagli la gioia di contemplare in eterno i misteri della grazia e della misericordia che sulla terra ha fedelmente dispensato al tuo popolo”. E lunedì 9 gennaio prossimo, alle ore 18.00, mons. Boccardo presiederà nel Duomo di Spoleto una celebrazione diocesana di suffragio per il Pontefice emerito. 

    Il 1° gennaio, inoltre, la Chiesa celebra la Giornata Mondiale della Pace che per il 2023 ha come tema: “Nessuno può salvarsi da solo. Tracciare insieme sentieri di pace”. «Questa pace – ha detto mons. Boccardo nell’omelia – di cui ogni giorno di più sembra allontanarsi la realizzazione e che pur costituisce l’anelito dell’umanità intera, può e deve essere costruita nella nostra storia. Ognuno di noi, con le scelte concrete della propria vita, può apportare un contributo efficace alla pace».

    Poi, la riflessione dell’Arcivescovo su Maria: «Prima che gli Apostoli rendessero testimonianza a Cristo crocifisso e risorto, prima che Paolo iniziasse l’evangelizzazione dei pagani, era stata chiamata lei: chiamata ed inviata. La sua testimonianza discreta e materna cammina con la Chiesa sin dalle origini. Lei, Madre di Dio, è anche Madre della Chiesa e, nella Chiesa, è Madre di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Maria è con noi, teneramente sensibile alle necessità di ogni uomo, sollecita nel prevenire il male che lo assale e ne mette in pericolo l’esistenza. I suoi santuari, piccoli e grandi, che punteggiano il territorio della nostra diocesi, a cominciare da questa bella Basilica Cattedrale, testimoniano la sua mirabile presenza, indicata qui dalla bella statua della Madonna di Castelvecchio di Preci, restaurata dopo i danni del terremoto 2016».

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....