Nelle parrocchie, domenica 7 febbraio, una raccolta straordinaria di alimenti per i profughi in Bosnia

  • Letto 1886
  • L’urgente appello dell’arcivescovo Boccardo e di don Edoardo Rossi  ai cristiani e a tutti gli uomini e donne di buona volontà – Video

    Appello urgente dell’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo alle Comunità parrocchiali, ai Santuari, ai Monasteri, alle Case Religiose e agli uomini e donne di buona volontà dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia: «Regaliamo a papa Francesco per i migranti in Bosnia-Erzegovina – afferma il Presule – l’aiuto materiale che raccoglieremo nelle nostre comunità domenica 7 febbraio prossima. Chiedo ad ogni parrocchia di organizzare, specialmente con la collaborazione preziosa e competente dei volontari Caritas, il servizio di raccolta durante tutto l’arco della giornata: è necessario e urgente cibo in scatola (carne, tonno, pelati, fagioli, zucchero, latte in polvere, ecc.). La Caritas diocesana provvederà poi a farlo pervenire al Papa il quale, attraverso l’Elemosineria Apostolica, sta garantendo assistenza concreta a quelle popolazioni».

    «La grave emergenza sanitaria che stiamo affrontando – prosegue l’Arcivescovo – non deve farci dimenticare i tanti fratelli e sorelle che bussano alle porte dell’Europa e chiedono assistenza ed aiuto: la cosiddetta “rotta balcanica” – che inizia in Grecia e termina in Italia o in Austria – vede bloccate in vari campi profughi migliaia di persone in condizioni igieniche pessime, con gravi rischi per la salute fisica e psichica, tanto più con l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia di Covid-19. E tutto ciò nell’indifferenza della comunità internazionale e nel silenzio dei mezzi di comunicazione. Come cristiani, non possiamo rimanere silenziosi e indifferenti di fronte a tanta sofferenza e tanta ingiustizia. Vorremmo dunque dare il nostro piccolo contributo per alleviare almeno in piccola parte la fame di tanti bambini, donne e uomini che hanno perso tutto e devono ora rischiare anche la vita. Mi rivolgo pertanto a tutte le persone di buona volontà: fin da ora, e anche a nome dei beneficiati, vi dico un grande grazie, ricordando con voi la parola del Signore: “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me… E il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà” (cf Mt 25, 40. 6, 18)».

    Di questa colletta straordinaria ne viene data comunicazione in tutte le parrocchie della Diocesi nelle Messe festive del 30 e 31 gennaio 2021.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....