“Inconsapevoli emozioni” di Simone Fagioli riceve il Premio Internazionale SpoletoFestivalArt Letteratura 2021

  • Letto 929
  • Grande consenso di pubblico e di critica, il libro vola verso la seconda edizione

    Il poeta e filosofo Simone Fagioli ha presentato lo scorso sabato 06 Ottobre presso il prestigioso Caffè Letterario del Sansi Spoleto la nuova raccolta di poesie dal titolo “Inconsapevoli emozioni”, edito dalla Società Editrice Fiorentina.

    Il suo nuovo scritto “Inconsapevoli Emozioni” è stato introdotto da un monologo dell’attore Stefano De Majo ed accompagnato dalla voce narrante dell’attore Maurizio Armellini. 

    Alla presentazione hanno partecipato, oltre all’autore Simone Fagioli, il prof. Luca Filipponi, Presidente del Menotti Art Festival Spoleto; l’attrice, blogger ed artista dott.ssa Marta Krevsun; la prof.ssa Maria Carla Spina, autrice della postfazione del volume; il prof. Massimo Fioroni, dirigente scolastico istituto comprensivo Spoleto1; la dott.ssa Maria Cristina Mancini, giornalista.

    Inoltre, nella stessa occasione è stata presentata la mostra dei Surrealisti Contemporanei, tra cui Adriano Sambri, Lucio Gatteschi, Giuseppe Tanzi, Marta Krevsun, Roberto Tigelli e Maurizio Orsolini, tutti artisti internazionali, straordinari e di grande livello qualitativo.

    “Sono onorato di poter presentare la mia ultima fatica letteraria all’interno di questo spazio artistico davvero unico, commenta Fagioli. Il libro fin da subito è partito alla grande, tante copie vendute e plausi dai lettori. Inoltre, “Inconsapevoli emozioni” ha ricevuto il Premio Internazionale Spoleto Festival Art 2021– sezione letteratura, che si è svolto a Spoleto lo scorso mese di Settembre. Ringrazio tutti gli organizzatori, in particolare il Prof. Filipponi, la Dott.ssa Biadetti, il Prof. Avv. Catapano e la giuria del Premio presieduta dal poeta Avv. Angelo Sagnelli, candidato al Premio Nobel 2021 per la poesia”.

    Il Presidente e Patron della manifestazione Prof. Luca Filipponi ha così commentato l’opera di Fagioli: “Il nuovo libro del giovane professore filosofo e critico spoletino Simone Fagioli rappresenta una vera e propria chicca letteraria. Quello che spinge il giovane professore alla scrittura ed alla poesia è la ricerca dell’estetica e del bello in una cornice sicuramente interculturale nella quale le arti si possono e si devono mettere a confronto”.

    Filipponi e Fagioli sono molto soddisfatti delle attività letterarie e del premio letterario Spoleto Art Festival: “Siamo molto fieri dei risultati artistici letterari e delle fortissime legittimazioni internazionali che ci porteranno al parlamento Europeo di Bruxelles. Proprio il 9 dicembre L’Accademia Auge ed il Menotti Art Festival Spoleto andranno in visita ufficiale al Parlamento Europeo e i libri di Fagioli saranno presentati a Bruxelles”.

    Il nuovo libro di Simone Fagioli è corredato dalla prefazione del critico letterario Prof. Francesco D’Episcopo (Università “Federico II” di Napoli) e da una postfazione della Prof.ssa Maria Carla Spina e raccoglie parte del lavoro che Fagioli ha svolto negli ultimi 17 anni di intensa attività letteraria. Il canzoniere di Fagioli non è monotematico: vi si leggono poesie impegnate come quelle dedicate alla tragedia americana delle due Torri (“Oggi, 11 Settembre 2001, siamo…”) o al dramma della perdita del lavoro vissuto dagli operai delle Acciaierie alla di Terni (“Terni, un grido di voce”); delicatezza di sentire attesta la poesia dedicata alla tragedia di Cogne (“Samuele a tre anni vita”). S’incontrano anche paesaggi campestri e ritratti di città: Firenze, la città dove vive e lavora da molti anni; Perugia, la città degli studi universitari e Spoleto, la città natale. Si segnalano, inoltre, due liriche dedicate a poeti del novecento, “Anche i poeti” dedicata a Mario Luzi e “Dylan Thomas a Rio Marina”.

    Come già notava nel 2004 il critico letterario Roberto Rizzoli, la poetica di Fagioli “rappresenta un punto di riferimento nei confronti di quel “salto generazionale” con cui anche l’arte e la poesia prima o poi si trova a dover fare i conti. In Fagioli, infatti, la necessità di esprimersi attraverso la parola scritta si sovrappone ad una quotidianità spesso ingestibile, e allora colpisce positivamente la sua capacità di controllo delle emozioni in cui unisce la tradizione poetica al vissuto della sua contemporaneità”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....