Spoleto celebra Sant’Antonio di Padova

  • Letto 1176
  • Sabato 13 giugno nella chiesa di San Filippo 


    (DMN) Spoleto – in città, soprattutto nel centro storico, è molto sentita la devozione verso Sant’Antonio di Padova, il frate francescano portoghese morto nella città veneta il 13 giugno 1231 e canonizzato da Papa Gregorio IX il 30 maggio 1232 nel Duomo di Spoleto. La devozione al Santo iniziò a Spoleto nel 1904 quando Papa Pio X nominò Sant’Antonio contitolare della chiesa di Sant’Ansano, dove per molti anni, é stata portata avanti la tradizione della processione che, nel tempo, ha coinvolto numerose generazioni di bambini , divenendo uno degli appuntamenti religiosi più cari ai residenti del centro storico, interrotto solo a causa dell’inagibilitá della Chiesa di Sant’Ansano dopo il sisma del 2016.

    Dal 14 giugno 2018, una reliquia del Santo (foto sotto) é custodita nel Duomo di Spoleto.

    Questo il programma delle celebrazioni, in programma sabato 13 giugno che si terranno nella Chiesa di San Filippo Neri:

    • ore 9 santa messa 

    • ore 18 solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza Episcopale Umbra, S.E. mons Renato Boccardo.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    giotarzan 2022-07-30 18:32:22
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    giotarzan 2022-07-30 18:29:42
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    Manuele Fiori 2022-07-07 18:07:34
    Finalmente un volto nuovo e persone serie al comando. Tanti auguri a tutti!
    Aurelio Fabiani 2022-07-07 10:27:07
    Sono d'accordo con Sergio Granelli. Se la Tesei e soci hanno dato il colpo più duro, quasi mortale, non si.....
    Sergio Granelli 2022-07-06 21:35:44
    Pero' dobbiamo essere onesti fino in fondo. Ricordiamoci anche della governatrice Lorenzetti e di tutti quelli che gli hanno consentito.....