Monastero Santa Rita – 1° Premio “Madre Maria Teresa Fasce” per un’economia civile e sostenibile a Luciana Delle Donne

  • Letto 445
  • La Priora: “Con il Premio testimoniamo il nostro impegno per un modello di sviluppo sostenibile che generi impatto sociale e umano”

    In occasione della Festa della Beata Fasce, sarà inoltre presentata

    la collana editoriale “Rita quotidiana”, a cura di Tau Editrice

    Sabato 14 ottobre alle ore 17 a Cascia (PG), presso la Basilica Inferiore, in occasione del 26° anniversario della beatificazione di Madre Maria Teresa Fasce, Suor Maria Rosa Bernardinis, Priora del Monastero Santa Rita da Cascia consegnerà a Luciana Delle Donne, a nome della comunità delle monache agostiniane, il primo Premio intitolato alla storica Badessa, voluto per sostenere l’imprenditoria ispirata alla carità evangelica, ai fini del bene comune e della sostenibilità.  Delle Donne, già Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana,  è stata scelta per aver rinunciato a una carriera manageriale di successo, mettendo i suoi talenti al servizio del prossimo in un progetto imprenditoriale sociale, Made in Carcere, che offre una concreta seconda possibilità alle donne detenute, nel segno di un’economia civile rigenerativa. Portando così avanti una scelta illogica per il mondo, ma logica per il Vangelo.

    “Questo Premio è nato per promuovere l’idea di imprenditorialità della Beata Fasce – commenta la Priora – rappresentata simbolicamente dall’opera d’arte realizzata come premio dalla monaca e artista Suor Elena Manganelli. La sua base esagonale, che raffigura l’Alveare di Santa Rita, il progetto d’accoglienza per minori del nostro monastero voluto dalla Beata, racconta la costruzione imprenditoriale che nasce da una carità solida e concreta, per un modello di sviluppo fondato non sul profitto ma sull’impatto sociale e umano. Lo stesso impatto che Madre Fasce, donna che ha saputo coniugare la vita contemplativa di monaca agostiniana con la lungimiranza di una moderna imprenditrice illuminata, ha avuto su Cascia e sul culto di Santa Rita”.

    Made in Carcere – È un progetto che permette alle donne detenute di Trani di avviare un percorso di riabilitazione e reinserimento sociale, acquisendo le competenze tecniche di un mestiere creativo, come quello della sartoria, per la produzione di accessori   di abbigliamento realizzati con tessuti di recupero scartati dalla moda e percependo un regolare stipendio. Esaltando tutti gli aspetti dell’impatto ambientale e inclusione sociale, oggi il progetto si è allargato, coinvolgendo anche i minori e altri settori, supportando inoltre l’apertura di tante piccole sartorie distribuite in tutta Italia e all’estero. Come dimostrato dai dati diffusi dal Cnel, il lavoro è lo strumento che maggiormente permette la riabilitazione dei detenuti, abbattendo la percentuale di recidiva. Che infatti è al 70% tra chi non lavora, mentre scende al 2% per chi durante la pena ha avuto la possibilità di lavorare e imparare un mestiere.

     “Questo premio rappresenta per me un momento importante – così commenta Delle Donne – perché la figura di Santa Rita, santa degli impossibili, legittima il nostro operato, che è stato sempre difficile, in un contesto scomodo, praticamente impossibile appunto, dimostrando che invece si può fare, grazie alla cura e alla passione. Vogliamo diffondere la filosofia della “Seconda Opportunità” per le persone, ricostruendo le loro vite, e della “Doppia vita” per i tessuti. Il mio desiderio è sempre stato, con consapevolezza crescente, di essere al servizio degli altri, in un’ottica imprenditoriale ma sempre soccorrevole e con un approccio altruista e creativo. Dare e darsi è la nuova frontiera della ricchezza”.

    “Rita quotidiana”- Sabato 14 ottobre, in occasione della premiazione, sarà inoltre presentata “Rita quotidiana”, collana editoriale in formato tascabile delle monache di Cascia, curata da Tau Editrice. Il primo numero, nelle librerie dal 19 ottobre, sarà dedicato alla maternità, secondo l’esempio di Santa Rita, prima madre di due figli e oggi madre di un’immensa famiglia di devoti. E come lo è ogni donna, con “l’innata attitudine all’accoglienza dell’altro”.

    Con questa collana, per la prima volta le monache di Cascia si confrontano con la quotidianità in un progetto editoriale. Come spiega nell’introduzione alla collana la Priora, l’obiettivo è porsi all’ascolto di gioie e paure dei lettori, rispondendo alle domande con consigli di vita concreta ispirati all’esempio di Santa Rita, che diventa così un’amica e una “guida del cuore”.

    La mostra “Dalle Api alle Rose” e gli eventi – Numerosi sono gli eventi previsti in occasione dell’anniversario. Martedì 12 ottobre alle ore 16, presso la Sala degli Ascensori, si svolgerà l’inaugurazione dell’esposizione “Dalle Api alle Rose: 100 anni in mostra”, alla presenza della Priora e del sindaco Mario De Carolis. Il progetto nasce durante questo 2023 per celebrare i cento anni di Dalle Api alle Rose, la rivista del monastero ideata proprio da Madre Fasce, oggi diffusa in 6 lingue e in oltre 250mila copie. Dal primo numero, pubblicato il 22 maggio 1923, il periodico è arrivato in migliaia di case in Italia e nel mondo, diffondendo il culto di Santa Rita e precorrendo i tempi dei social network e del crowdfunding. Alle ore 18 appuntamento con la Messa presso la Basilica Inferiore, presieduta dall’Arcivescovo di Spoleto-Norcia, Monsignor Renato Boccardo. 

    La giornata della premiazione del 14 ottobre si aprirà, invece, alle ore 10.30, presso la Sala della Pace, con un incontro riservato agli studenti degli studi superiori di Cascia e Norcia. L’incontro sarà condotto da Lucia Ascione, volto storico di Tv2000, con l’intervento della stessa Delle Donne, e di Suor Giacomina Stuani, economa del monastero e direttrice editoriale della rivista, che si confronteranno sulla figura della Beata Fasce.

    Un nuovo confronto sul tema, aperto alla cittadinanza, è previsto per il pomeriggio, prima della premiazione, dalle ore 17, presso la Basilica Inferiore, moderato ancora dalla giornalista di Tv2000, che presenterà la storia dell’imprenditrice premiata con l’intervento delle monache.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....