L’arte di Pibiri e Gentili porta Spoleto in Giappone

  • Letto 3536
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO(DMN)  – La bellezza di Spoleto, arriva in Giappone grazie all’arte di Roberto Pibiri e Federico Gentili. I due artisti spoletini, stanno realizzando una mostra che si IMG_20171111_171918terrà a Yamaguchi, città di quasi 200.000 abitanti a sud ovest del Paese del Sol Levante, presso il centro espositivo del palazzo storico Saikou Tei dal 16 al 20 novembre. Per capire meglio di cosa si tratta, abbiamo contattato Roberto Pibiri, che vive e lavora nel Paese asiatico, chiedendogli di spiegare agli spoletini come e che cosa verrà fatto vedere di Spoleto ai Giapponesi.

    Sig. Pibiri, come sarà realizzata al mostra?

    “la mostra è  strutturata in due sezioni. La mia sezione, ‘Spoleto aveva 100 torri’, è composta da 23 opere pittoriche, tra cui tre grandi pezzi da 53×170 cm su carta Komebukuro, che è una carta giapponese utilizzata per l’imballaggio del riso, realizzati a tecnica mista: ho utilizzato solventi, colori a pastello ad olio, grafite e spray acrilico. Gli altri sono pezzi singoli olio su tela. Voglio precisare, che la mia raffigurazione è prettamente non figurativa, cioè non rappresento la realtà con figure prese dal vero, ma utilizzo contesti architettonici slegati da ogni obbligo assiomatico. Sono tutte immagini riconducibili a solidi geometrici, immersi in un contesto di derivazione onirica che potrebbero essere definiti di matrice metafisica. Le Torri perciò sono immaginate: ho rappresentato ciò che immagino sia esistito secoli fa, in un tempo senza inizio ma con le tracce che ancora sono visibli e sedimentate sia nel luogo fisico ma anche in una mia memoria ancestrale. Federico Gentili ha realizzato la sezione fotografica ‘Spoleto in bianco e nero’ composta da sei foto bianco e nero di grandezza 60×90 cm. Lui rappresenta i luoghi fisici della Spoleto storica. Il Ponte delle Torri, una sponda del Tessino, ecc… ma interpretati in situazioni di luce estrema; alcuni scatti sono di elezione astratta, riconoscibili solo a chi conosce la città, ma seducenti anche per un pubblico che non è mai stato a Spoleto. Nella mostra è anche previsto un cartello con una descrizione della città. Inoltre, è in stampa un catalogo della mostra dal titolo ‘Città’. Questo titolo è stato in un certo senso obbligato perchè l’evento, essendo stato voluto e finanziato dall’Istituto Internazionale per gli scambi culturali della Contea Prefettura, quella che da noi potremmo chiamare Regione, ha per titolo, in giapponese ‘La città di Yamaguchi,  incontra la città di Spoleto’. Tengo a precisare che il catalogo e’ stato realizzato con il finanziamento dell’IIC di Osaka ( Istituto Italiano per la Cultura ) che è l’Ambasciata Culturale Italiana in Giappone.”

    Assistenza_Fioretti_Gianni

    Quanti visitatori stimate di coinvolgere?

    “È una domanda da 1milione di dollari, anzi di Yen. Secondo alcune stime fatte da chi già ha esposto al Saikou Tei, il palazzo storico di epoca Meiji dove avrà luogo la mostra in questione, dovrebbero partecipare  dalle 300 alle 400 persone. Considerando che la TV regionale ‘C.able’ ha mandato in onda la mia intervista in tre TG nelle fasce orarie mattina, pomeriggio e sera e che da domani uscirà la notizia anche sulla testata nazionale Mainichi Shimbun e sul Chugoku Shimbun, il quotidiano regionale, spero che qualcuno venga a trovarci.”

    Perché la scelta di realizzare una mostra con Spoleto protagonista? Con quali obiettivi?

    “Devo fare una premessa: a Spoleto avevo fondato l’associazione culturale ‘OVe’ST’ con la quale ho organizzato diverse iniziative: una collettiva a Spoleto nel 2015 con ospiti gli artisti della HMAB ( Himeji Modern Art Biennale ) con i quali collaboro per le mostre della biennale della citta’ di Himeji, nel 2016 ho portato 19 artisti di Spoleto e operanti in citta’ alla HMAB 2016 e per la Biennale HMAB 2018 ho già risposto all’invito portando artisti spoletini. Trasferitomi qui a Yamaguchi, ho fondato l’associazione culturale YOVe’ST ( Y sta per Yamaguchi ), operativa da marzo 2017, con la quale abbiamo già in attivo l’organizzazione del concerto Jazz di Enzo Favata ‘Favata live in Yamaguchi’ nel marzo scorso, noto musicista sardo di fama internazionale, la partecipazione di Miki Imai, musicista di Yamaguchi, e una mia mostra al Festival Internazionale Jazz ‘Musica sulle Bocche’ a S. Teresa Gallura a settembre scorso e altre numerose iniziative per la cultura italiana, dal cibo al vino e organizzato varie conferenze sulla cultura italiana ma Spoleto ha sempre partecipato come attore principale. Poi ultimamente, a ottobre, sono stato premiato al Gran Galà dell’ Arte contemporanea al Museo Prefetturale della Città. Insomma, Spoleto sta diventando nota e la curiosità è tanta da parte dei cittadini di Yamaguchi, per cui,  è da tutto ciò che mi é  stata proposta e finanziata la mostra ‘Città’ da parte dell’IISC. Di riflesso l’appoggio delle altre Istituzioni. Gli obiettivi sono legati a far conoscere Spoleto ad un pubblico che è abituato a viaggiare in Italia, ma che conosce solo gli itinerari classici delle grandi città”.

    Lei vive in un paese lontano, quali emozioni prova , ogni volta, a vedere le immagini  della sua amata Spoleto?

    “Sono stato a Spoleto da poco, la nostalgia c’è, non si può dimenticare la città che ti ha cresciuto, formato e dove è la famiglia. Ma c’è un pero’: dove vivo ora, gli stimoli e le opportunità professionali, che ho come artista e come operatore culturale, sono tantissime. Le Istituzioni ed il pubblico sono veramente  curiosi del mio lavoro e partecipano attivamente alle iniziative di YOVe’ST.

    Ci sarà, in futuro, la possibilità di vedere le opere della mostra qui a Spoleto?

    “Per il futuro prossimo non saprei, è difficile da qui organizzare a Spoleto. Però… mai dire mai.” FB_IMG_1510472162239

    ロベルト菜香亭展覧会

    Share

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....