L’Arcivescovo tra i terremotati a Campi di Norcia

  • Letto 1620
  • Il parroco: «Grazie per la sua frequente vicinanza in questo momento faticoso e doloroso»

    Domenica 4 settembre larcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, ha nuovamente portato la vicinanza sua personale e dellintera Diocesi ai terremotati della zona di Norcia. Questa volta il Presule si è recato in Val Castoriana, a Campi di Norcia per la precisione. Ha celebrato la Messa allaperto, in uno slargo dinanzi alla bellissima chiesa di S. Salvatore, inagibile come del resto la grande maggioranza di quelle che fanno capo allAbbazia di S. Eutizio. Le molte persone presenti hanno manifestato al Vescovo la grande paura che si è riacutizzata con le scosse della notte tra venerdì e sabato, ma anche la loro tenacia e la voglia di non arrendersi e non abbandonare il territorio. Con mons. Boccardo ha concelebrato il parroco dellAbbazia don Luciano Avenati che, dopo una decina di notti trascorse nellautomobile, dorme ora in una tenda. Lo splendido complesso abbaziale, infatti, è stato dichiarato inagibile: la chiesa è seriamente compromessa e il campanile è a rischio crollo. Don Avenati a nome di tutti i fedeli si è così rivolto al Vescovo: «Grazie per la sua frequente e premurosa vicinanza fin dalle prime scosse. La gente in questo momento faticoso e doloroso sente vicino il proprio Pastore». Nellomelia mons. Boccardo ha detto che spesso «la vita ci propone sentieri di montagna, duri e faticosi, come può essere il terremoto che ha sconvolto le nostre vite. Ma Gesù ci precede in questo sentiero, ci apre la strada, è con noi, non ci lascia soli. È vero ha proseguito in questa vallata non abbiamo più chiese agibili (come del resto a Norcia, ndr), ma la vita cristiana prosegue perché il Signore abita nelle nostre vite prima ancora che nei muri di un edificio. Madonna della Croce venerata qui a Campi ha detto al termine prenditi cura dei tuoi figli terremotati e per ottieni le benedizioni di tuo figlio Gesù». Al termine della Messa mons. Boccardo ha pranzato nello spazio polivalente della pro-loco con le persone che dalla notte della prima scossa vivono lì (una trentina) o perché la casa è inagibile, o perchè la paura ha avuto la meglio.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....