Illegittimo il contratto Integrativo voluto dal Comune di Spoleto: il Tribunale accoglie il ricorso dei sindacati

  • Letto 929
  • Accertata la natura antisindacale dell’amministrazione comunale, condannata anche al pagamento delle spese legali


    Accertata la condotta antisindacale dell’amministrazione comunale. È quanto ha stabilito il Tribunale di Spoleto accogliendo integralmente il ricorso presentato da FP CGIL, UIL FPL e CSA R.A.L.

    Il Giudice del lavoro, dott.ssa Marta D’Auria, ha confermato in toto la fondatezza delle motivazioni rappresentate dalle sigle sindacali, stigmatizzando l’uso distorto della libertà negoziale operato dall’amministrazione comunale e asserendo che, in merito alle progressioni economiche orizzontali (PEO) lo sbarramento del 35% che la parte pubblica voleva imporre, penalizzando una larghissima parte del personale, “non è stato previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro”, che invece indica l’adozione di un criterio di selettività che la parte sindacale aveva comunque inserito nella propria proposta. 

    Un comportamento, quello tenuto dalla parte pubblica durante la trattativa per la stipula del Contratto Integrativo Decentrato (CID), che ha prodotto “un’apprezzabile lesione delle prerogative sindacali”, avviando il confronto solo sulla proposta minoritaria presentata dalla Cisl “pur in presenza della proposta maggioritaria della R.S.U.”.

    Non solo. Entrando nel merito delle motivazioni il Giudice del lavoro ha sancito l’assoluta illegittimità del Contratto Integrativo Decentrato firmato dalla parte pubblica e dalla Cisl a dicembre 2020, ribadendo inoltre che, non potendo esserci un vuoto normativo, per il 2020 dovrà essere applicato il contratto precedente.

    Di fatto la sentenza, oltre ad accertare la natura antisindacale della sua condotta, vieta espressamente all’amministrazione comunale di reiterare, in futuro, gli stessi comportamenti, condannandola al pagamento delle spese legali e ordinando al contempo di riaprire immediatamente “le trattative negoziali con l’intera delegazione sindacale rappresentativa degli interessi del personale”.

    A riguardo questa mattina la R.S.U. del Comune di Spoleto ed i rappresentanti territoriali di FP CGIL, UIL FPL, CSA e USB hanno chiesto formalmente all’amministrazione comunale di riprendere le trattative per il rinnovo del CID e di provvedere al pagamento del salario accessorio di tutti i dipendenti dell’Ente.

    È quanto riferisce tramite una nota l’Ufficio stampa Cgil Umbria

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....