Week end a 360° per l’MTB Club Spoleto

  • Letto 362
  • I ciclisti impegnati tra Assisi Bike Festival, Appennino Enduro Trophy, Martani Superbike MTB Race e Maratona delle Dolomiti

    Un week end a 360° per l’MTB Club Spoleto, impegnato in molteplici attività, agonistiche e non. Si è partiti nella giornata di sabato, con un gruppo di soci che, guidato dal presidente Luca Ministrini, ha collaborato all’organizzazione di una pedalata sulla ciclovia Assisi-Spoleto, nel corso della seconda edizione di Assisi Bike Festival. 

    Nel corso della domenica si è pedalato “veramente”. 

    Partendo da sud, seppur ridotta all’osso, solita rappresentanza all’Appennino Enduro Trophy, la cui quarta tappa (sulle cinque previste) è stata celebrata sui durissimi percorsi di Guarcino, nel frusinate, in una prova resa impossibile anche dal caldo: Maurizio Mariani e Filippo Federici acciuffano il quinto posto di categoria, mentre l’esordiente Paolini Troiani chiude settimo, potendosi fregiare del prosciutto messo in palio dell’organizzazione; il pregiato salume, seppur non insaccato, è stato requisito dal popolare Urmu per farne fodere all’intera squadra, al termine di una prova non ritenuta soddisfacente dal maestro Mariani. 
    Bene, invece, gli spoletini a Massa Martana, dove si è svolta l’ultima tappa della Umbria Marathon 2019. Un eccezionale Alessandro De Santis porta a casa la vittoria finale nella categoria Elite, quella più prestigiosa: grazie alla perseveranza ed ad una striscia di splendidi risultati, l’atleta dell’MTB Club Spoleto ha piegato la resistenza di una folta rappresentanza tra i migliori bikers del centro Italia. Ma la Martani Superbike MTB Race era valevole anche per il circuito UmbriaTuscany: Andrea Iucci ha difeso egregiamente la 1° posizione nella M2; Giampaolo Petrioli l’ha conquistata M7; e ora ci sarà da difendere la vetta nell’ultima prova, prevista a Montalcino alla metà di ottobre. Bene anche Fabrizio Nicolucci, terzo nella M2.
     
    Spostandosi a nord (molto più a nord!), va registrata, dulcis in fundo, l’impresa di Luca Paloni e Claudia Succhielli, che hanno portato a termine la temutissima versione Marathon della GranFondo più bella ed ambita d’Italia, la Maratona delle Dolomiti, una pedalata alla conquista dei passi più conosciuti del nord Italia: dal Campolongo al Giau, passando attraverso Pordoi, Sella, Gardena, Falsarego, per un percorso che fa tremare i polsi anche ai professionisti. Dei 32mila circa che hanno fatto richiesta, sono stati poco più di 9mila quelli che hanno ricevuto l’ambito pettorale; ed il destino ha voluto che fossero marito e moglie, a rappresentare i colori del club spoletino, potendo beneficiare della solita esemplare organizzazione “top” del Trentino, dove nulla è lasciato al caso. 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Zorro 2020-07-23 19:20:34
    In genere ci sono due gatti un cane ed un cavallo agli eventi compresi il direttore di palazzo collicola ma.....
    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......