Volley, Serena Ortolani: “Stiamo crescendo giorno dopo giorno”

La giocatrice della Bartoccini Fortinfissi Perugia parla a pochi giorni dal preliminare di Supercoppa

A poco più di una settimana dall’appuntamento del preliminare di Supercoppa Italiana programmato nel week-end del 29-30 agosto, il lavoro di preparazione della Bartoccini Fortinfissi Perugia continua, lo scopo sicuramente quello di trovare la giusta intesa in tutte le fasi di gioco, in modo da arrivare pronti al preludio che avvia la stagione 2020/21 vedendo dall’altra parte della rete la quotatissima Novara.

Per fare il punto della situazione, le impressioni su l’attuale situazione dal punto di vista di Serena Ortolani. La preparazione sta andando bene, sono molto felice, stiamo crescendo di giorno in giorno, questo si vede anche durante gli allenamenti, ci stiamo amalgamando sempre di più e piano piano stiamo diventando un gruppo. Non ci resta che aspettare il momento in cui cominceranno le gare in cui dovremo fare il passo più importante, stiamo avendo un bel ritmo ed un bel livello, la cosa mi sta facendo divertire tanto. Come ogni anno il Campionato Italiano si dimostra uno dei più forti quindi non sarà facile, ci sarà da lottare ogni domenica con il proverbiale coltello tra i denti, sono sicura però che saremo una di quelle squadre che darà fastidio a molte, in campo potremo sia divertirci che far divertire chi ci guarda, ovviamente tutto questo dipenderà da noi, sicuramente ci saranno anche dei momenti no, ma sono sicura che piano piano faremo il nostro bel percorso”.



Le prime impressioni su la regione che la sta ospitando (ad eccezione degli appuntamenti sportivi) per la prima volta, l’Umbria.Non ero mai stata a Perugia ad eccezione di quando sono venuta per la pallavolo, la sto scoprendo giorno dopo giorno sia la città che i dintorni e devo dire che è molto bella, girando per l’Umbria ogni volta che conosco un posto diverso riesco ad apprezzare quanto sia stupenda, sono molto affascinata dalle sue zone rurali come ad esempio le varie rocche o i paesi dal carattere medioevale, ma devo dire che mi ha colpito molto anche la zona del Trasimeno, quindi sfruttando queste belle giornate, come ho dei giorni liberi cerco di conoscerla meglio godendomela insieme alla mia famiglia. Sono contentissima di essere qui anche per questo e spero che riusciremo a vedercela tutta”.

Dagli scorci del cuore verde d’Italia, al primo grande appuntamento stagionale oramai alle porte con in palio il sogno della Final Four di Supercoppa Italiana.Novara come tutti gli anni allestisce un team di grande livello, quindi penso che sarà una partita abbastanza strana, ci troveremo subito a giocare per un risultato importante, sarà sicuramente da un lato bello, perché proveremo subito a dare tutto quello che abbiamo, da un’altra parte sarà strano perché dovremo andare ad affrontare un appuntamento da dentro o fuori senza aver un metro di paragone con altre gare ufficiali, credo però quando arriverà il momento saremo pronte, almeno dal punto di vista mentale, saremo lì per fare bene, poi quello che sarà il risultato ce lo dirà il campo”.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Aurelio Fabiani 2020-10-29 09:13:13
SENZA VERGOGNA. La Destra si "intorcina" tra facce impresentabili e ipocrisie sconfinate. I due signori rappresentanti dell'estrema Destra umbra che.....
Paolo 2020-10-25 10:49:21
Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....
Viscos 2020-10-23 19:02:40
.. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....