Valutazione del rischio coronavirus, parola all’esperto

  • Letto 559
  • Chiarimenti sulla valutazione dei rischi ai tempi del covid 19 a cura del Dott. Michele D’Angeli, amministratore di Obis

    L’emergenza in corso del CoVid19 ha necessitato da parte delle autorità competenti nuove indicazioni cui fare riferimento all’interno delle aziende secondo l’evolversi della pandemia.

    In questo caso andiamo a trattare la valutazione del rischio aziendale in merito al coronavirus facendo riferimento nell’ordine a:

    • nota n. 89 del 13 Marzo 2020 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, intitolata “Adempimenti datoriali – Valutazione rischio emergenza coronavirus”;
    • Covid-19 – Indicazioni per le aziende non sanitarie e attività produttive in genere, attive sul territorio Usl Umbria 2” del 13 Marzo 2020 (USL che comprende i sei distretti sociosanitari di Terni, Narni-Amelia, Orvieto, Foligno, Spoleto, Valnerina);
    • Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” del 14 Marzo 2020.

    Cominciamo col dissipare certo terrorismo psicologico secondo cui sarebbe necessario aggiornare il DVR (documento di valutazione dei rischi) per tutti, questa è una visione distorta. Come chiarito nei documenti di cui sopra dagli organi di Vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro (INL, ASL), l’aggiornamento del DVR spetta solo per le ditte che operano (direttamente o indirettamente) in ambito sanitario e/o in quelli dove il rischio biologico (titolo X D. Lgs. 81/08) è un rischio lavorativo. Gli altri settori (dove i lavoratori non sono esposti a rischio biologico) non devono aggiornare il DVR essendo il Covid 19 una pandemia e quindi qualcosa che espone ad pericolo tutta la popolazione (al pari di altri virus o calamità naturali) e non un rischio prettamente professionale; ciò non significa che i datori di lavoro non debbano prendere in considerazione il Covid19 bensì dovrebbero seguire le indicazioni preventive e protettive enunciate nel Protocollo Condiviso del 14 Marzo 2020 e applicarle nella propria attività aziendale tenendo ovviamente conto della specificità del contesto aziendale e quindi di ciò che è attuabile e di ciò che non lo è.

     

     

    Si informa che può essere però opportuno provare di aver applicato in azienda le misure preventive e protettive del Protocollo mediante procedure ed informative nate dalla condivisione tra Datore di lavoro, Medico Competente, RSPP ed RLS e da allegare al DVR aziendale.

    In ultimo si ricorda che per informazioni sono stati attivati il numero nazionale di pubblica utilità del Ministero della Salute (1500), il numero verde regionale (Umbria 800 63 63 63), i numeri dei Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Usl Umbria 2 (aree territoriali di Terni, Foligno, Narni – Amelia, Spoleto, Orvieto, Valnerina): 0744.204338 – 0744.204369 – 0763.307429 0742.339527 – 0742.339665 – 0743.210729 (dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. Sabato dalle 9.30 alle 12.30). Il Numero unico di emergenza (112 oppure 118 soltanto se strettamente necessario).

    Riportiamo qui sotto i link della documentazione citata all’inizio dell’articolo:

    Dott. Michele D’Angeli – Amministratore Obis

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    SPOLETO(PG) INTITOLATA UNA PIAZZA A DON PINO PUGLISI - Street Master 2020-05-26 10:13:55
    […] https://www.duemondinews.com/spoleto-intitolata-a-don-pino-puglisi-la-piazza-dellauditorium-della-st… […]
    ASSOCIAZIONE VOLONTARI CARABINIERI IN CONGEDO DI SPOLETO - GRUPPO PROT CIV 2020-05-26 00:00:46
    A nome dei volontari dell’Associazione Volontari Carabinieri in Congedo di Spoleto -GPC, ringrazio il Quotidiano Due Mondi per avere voluto.....
    Rompiuova 2020-05-25 13:55:13
    Da Terenzi a Te Renzi
    Rosario Murro 2020-05-24 08:31:05
    Lodevole e larga condivisione su inaugurazione della piazza dedicata a Don Puglisi (ne vorremmo 1.000 in Politica di queste Figure.....
    Roberto Quirino 2020-05-19 10:02:50
    Questa è senz'altro una buona notizia. Mi era stata anticipata giusto ieri da Franco Triani, che però mi ha detto.....