Vallo di Nera, un laboratorio musicale per la rinascita della Valnerina

  • Letto 379
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO

    Il Sindaco Benedetti: «Remix è un’iniziativa importante per la nostra terra»

    Ha preso il via a Vallo di Nera un laboratorio dedicato ai giovani, che attraverso la musica provano a suonare la rinascita della Valnerina colpita dal terremoto.
    Il progetto è una delle declinazioni del ‘Remix’ di cui è capofila la Provincia di Perugia in collaborazione con Anci nazionale, che si avvale dei fondi messi a disposizione lo scorso anno dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento gioventù e servizio civile.
    Il titolo dell’officina culturale, la cui proposta è stata ideata e presentata dal Comune di Vallo di Nera unitamente all’Associazione GMP Gaia, è un impegno preciso: Saràbanda.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    Infatti, l’obiettivo del laboratorio, che è frequentato da venti giovani e da qualche uditore appassionato, è quello di costituire un piccolo corpo bandistico e di aggregare, così, i ragazzi attraverso il linguaggio universale della musica.
    Le lezioni si tengono nei locali della Scuola Media di ponte Borbonea di Vallo e si protrarranno per qualche mese, con cadenza di due incontri a settimana. A insegnare la musica sono i professori Luca Panìco e Vittorio Altavilla, uno responsabile della classe dei ‘legni’, cioè gli strumenti a fiato come flauto, clarinetto, sax e l’altro responsabile degli ‘ottoni’, trombe, corni, tromboni e tuba. Anche gli strumenti sono stati messi a disposizione gratuitamente dal progetto.
    Superato l’apprendimento delle nozioni di base, si procederà con un’unica classe d’insieme.
    Al termine del corso di formazione è prevista un’esibizione in collaborazione con gli altri laboratori avviati contemporaneamente a Spoleto e in altri Comuni della Valnerina: Norcia, Cascia, Monteleone di Spoleto, Sant’Anatolia e Scheggino.
    “Remix è un’iniziativa importante per la nostra terra – ha affermato il sindaco di Vallo di Nera – perché rivitalizza le competenze, offre un servizio, contribuisce a tenere insieme i giovani, sostenendo un’occasione di crescita culturale e di buon impiego del tempo libero”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    enrico fabbri 2019-03-18 20:36:19
    ma questa c'ha vissuto a Spoleto,no perchè sembrerebbe che finora non s'èfatto niente di rilevante e adesso arriva lei e.....
    operaia 2019-03-13 14:41:19
    senza dubbio va alzato il livello della mobilitazione!
    Carlo Alberto Bussoni 2019-03-10 08:46:39
    Sanzionati "de che"'. C'è qualche possibilità che paghino anche un solo centesimo? Ed ancora..."è stato adottato il provvedimento del foglio.....
    Graziano evangelisti 2019-02-27 00:24:18
    prendo
    Moreno Angeli 2019-02-25 17:24:17
    Rip uomo buono e onesto .A Daniela e figli le mie più sentite condoglianze