Vallo di Nera, socio delle Città del tartufo, a Rai Radio1

  • Letto 177
  • Vallo di Nera protagonista a  “I viaggi di Radio1”, Domenica 6 gennaio alle ore 9,05

    Domenica 6 gennaio alle ore 9,05, su Rai Radio1 la seguita trasmissione “I viaggi di Radio1” condotta da Sandro Marini, dedicherà un servizio a uno dei prodotti gastronomici più preziosi della Valnerina: il tartufo.

    Il giornalista Carmelo Lazzaro racconterà, in particolare, Vallo di Nera e il legame che il Comune umbro ha con questo straordinario frutto del sottobosco.

    Lazzaro ha partecipato di recente all’educational “Il Nero del Nera” organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’Associazione nazionale delle città del tartufo di cui Vallo è membro, con la Regione dell’Umbria, con Promocamera, con la Federazione Italiana tartuficoltori associati e con l’Associazione regionale dei giornalisti dell’agricoltura.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    L’educational, che è stato coordinato da Ilaria Bellini, ha visto arrivare nel territorio di Vallo venti inviati di testate nazionali.

    Carmelo Lazzaro ha definito Vallo di Nera “Una realtà che merita di essere visitata, un borgo medievale che guarda al futuro puntando sulla valorizzazione del tartufo”

    La puntata sarà disponibile su Rai Play Radio appena dopo la diretta.

    Share

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    operaia 2019-03-13 14:41:19
    senza dubbio va alzato il livello della mobilitazione!
    Carlo Alberto Bussoni 2019-03-10 08:46:39
    Sanzionati "de che"'. C'è qualche possibilità che paghino anche un solo centesimo? Ed ancora..."è stato adottato il provvedimento del foglio.....
    Graziano evangelisti 2019-02-27 00:24:18
    prendo
    Moreno Angeli 2019-02-25 17:24:17
    Rip uomo buono e onesto .A Daniela e figli le mie più sentite condoglianze
    Carlo Alberto Bussoni 2019-02-25 09:34:40
    Nooo! Sentite condoglianze alla famiglia (per quello che possono servire). Comunque era originario della parrocchia di san Filippo.