Un Natale condiviso: sabato 8 gennaio alle 21, concerto al Teatro Caio Melisso – Spazio Carla Fendi

  • Letto 164
  • TEKNA feat. John B. Arnold (drums & elettronics), Simone Locarni (keyboards), Joe Rehmer (bass)

    L’vento, a cura di associazione GREFTI by Metronome, è a ingresso libero su prenotazione (Info: carla60cianchettini@gmail.com – 338.8562727). Come da disposizioni la capienza per gli spettacoli al chiuso è ridotta al 50%.

    TEKNA è un’anomalia acustica, che combina la struttura percussiva della musica elettronica con l’improvvisazione del jazz, mutuando da entrambi ma non appartenendo a nessuno dei due. Nato da un’idea del batterista di New York City John B. Arnold, supportato dal pianista di Domodossola Simone Locarni k e dal contrabbassista di Chicago John Rehmer , TEKNA si spinge in un nuovo territorio con un suono che può essere descritto solo come “ipnotico”.

    Il compositore / batterista John B. Arnold, nipote del cantautore americano Hoagy Carmichael (Georgia on my Mind, Stardust, the Nearness of You), ha da tempo un piede in entrambi i mondi: una lunga discografia come artista jazz e un uomo la cui passione per la musica elettronica lo ha ispirato a creare Calcatronica, un festival di musica elettronica di tre giorni in Italia. Il pianista / tastierista Simone Locarni nonostante la giovane eta’, è un bandleader e compositore a pieno titolo che ha al suo attivo gia’ importanti collaborazioni internazionali come il russo Yuri Goloubev o Fabrizio Sferra; il pianista di Domodossola e’ attualmente da considerarsi e confermare tra i nuovi piu’ grossi talenti di jazz apparsi in questi ultimi tempi in Europa , mentre John Rehmer e’ un bassista sensibile e con un bel “groove” che si e’ distinto tra le molte e disparate collaborazioni, nei gruppi internazionali di Giovanni Guidi è Dan Kinzelman .

    Frustrato dalla mancanza di innovazione nel jazz moderno, John ha creato TEKNA per incarnare la spinta della techno con l’anima della composizione jazz, motivo per cui il pianoforte e la batteria sono registrati dal vivo. Ma più di ogni altra cosa, è un omaggio sia agli amori, sia al jazz che alla musica elettronica, e si sforza di rispondere alla domanda: cosa c’è dopo?

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani Casa Rossa 2022-01-22 00:26:30
    Sono stato ad ascoltare alcuni interventi dell’assemblea indetta dai Confederali sul piano Sanitario Regionale. Per capire e per conoscere. Non.....
    casa rossa spoleto 2022-01-09 15:53:57
    La Lega deve tacere,punto. Ha fatto così tanti danni a partire dal massacro del nostro ospedale, dimezzato e di nuovo.....
    Casa Rossa 2021-12-31 10:04:36
    I governi degli affari non possono imparare. Sono lì per gli interessi particolari che rappresentano. Dopo le stragi di anziani.....
    Casa Rossa 2021-12-29 19:47:05
    Sempre più ecumenici i 5 stelle. Adesso ringraziano il candidato di Fratelli d'Italia e Lega. Come siete bravi! Avrebbe detto.....
    Casa Rossa 2021-12-29 19:41:09
    Strane dichiarazioni di Cintioli. Prima si arrabbia con i 5 stelle, perché lisciano il pelo al candidato di Fratelli d'Italia.....