Umbria dimenticata: il castello di Poggiolo a Terraia di Spoleto

  • Letto 520
  • Una villa fortificata in rovina domina silenziosa le vallate della zona

    di Alessio Cao 

    (DMN) Spoleto – Il territorio spoletino è stato di fondamentale importanza in tutto il medioevo. In questo periodo storico di forte instabilità e scontri tra città, divenne vitale difendere gli abitati, sorvegliarne le zone circostanti e proteggere le vie di comunicazione.
    Questo processo portò alla fortificazione di molte ville e agglomerati urbani.
    Tra questi troviamo appunto il castello di Poggiolo, nei pressi di Terraia, trasformato in baluardo difensivo nel 1300.
    Costruito in posizione dominante su una piccola altura e collocato tra Trevi e Spoleto, consentiva un’ampia visuale sulle campagne circostanti ed era in comunicazione visiva con altre torri difensive del territorio.
    Sono rimaste poche tracce storiche della vita nel castello. Da documenti ecclesiastici, risulta essere stato abitato oltre il 1600. Due chiese animavano la comunità pastorale della zona, una all’interno delle mura, che risulta essere distrutta già alla metà del 1600 e una all’esterno, di cui non rimane più traccia.
    Oggi il castello di Poggiolo si presenta al visitatore completamente in rovina. Le mura perimetrali sono dirute ed avvolte in gran parte dalla vegetazione. Rimangono visibili alcune feritoie in un torrione, parte delle nicchie di appoggio delle travi dei solai e i resti di un probabile canale di scolo delle acque piovane.
    Nonostante le condizioni della roccaforte siano estremamente precarie, la visita si rivela piacevole ed interessante. La vista sulla vallata, sui campi e sugli oliveti di cui si può godere da qui è spettacolare. Il silenzio ed i fievoli suoni della campagna cullano il turista della “storia dimenticata” avvicinandolo a tempi e ritmi lenti, dolci, ai quali non siamo più avvezzi.

     

    Share

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Zorro 2020-07-23 19:20:34
    In genere ci sono due gatti un cane ed un cavallo agli eventi compresi il direttore di palazzo collicola ma.....
    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......