Umbria dimenticata: Casa del Diavolo, storie e leggende del paese frequentato dal demonio

  • Letto 2046
  • Le tenebrose origini del nome di questo borgo umbro legate a strane presenze del passato

    di Alessio Cao

    (DMN) Perugia – Casa del Diavolo. Un toponimo sicuramente evocativo, intriso di mistero, che solletica la curiosità di ogni visitatore che si imbatta in questo paese umbro nella provincia di Perugia.
    La piccola frazione conta poco più di mille abitanti e si trova collocata a 237 metri sul livello del mare, subito dopo il capoluogo regionale, sulla strada che porta ad Umbertide.
    Le origini del nome sono celate nelle nebbie del tempo e probabilmente devono la loro oscura origine ad una serie di cause concatenate, alcune con fondamento storico ben delineato, altre più fumose ed incerte, ma comunque molto affascinanti.
    Secondo alcuni storici l’origine del nome è legato al passaggio delle truppe cartaginesi di Annibale nel 216 a.c. che causò una tale distruzione nella zona e una tale moria negli scontri contro i romani, da far valere al luogo la fama di maledetto e quindi, successivamente, di identificarlo come la dimora del male.

    Secondo altre fonti il paese era rifugio, in un passato non ben precisato, di banditi, briganti delle montagne e malfattori di vario tipo. Queste pessime frequentazioni rendevano il territorio molto pericoloso e contribuirono probabilmente a legarne il nome con il diavolo stesso. Si narra che il demonio, attirato dalla malvagità del posto, iniziò a frequentarlo e a stringere patti con gli abitanti del paese, guadagnando molte anime agli inferi. Al termine delle sue scorribande il diavolo lasciò l’abitato, gettandosi in una voragine del terreno da cui gli antichi abitanti del paese giuravano sentir venire urla terrificanti e voci soprannaturali.
    Un’altra tesi, avvalorata da reperti archeologici trovati nei pressi di Casa del Diavolo, ne fanno risalire il nome al rinvenimento di numerose urne funerarie di bambini, nati morti o defunti rapidamente, sepolti in epoca medievale, che non avendo potuto ricevere il battesimo, secondo le credenze religiose, non avevano accesso al Paradiso. Questo riconduce per molti il nome a qualche sinistro presagio, forse all’opera stessa del Diavolo che ostacola il cammino delle anime verso il Paradiso.
    Molti i misteri e le leggende legate a questo piccolo borgo umbro i cui boschi e il cui torrente si dice siano ancora frequentati da oscure, terrificanti presenze.

    Immagine da internet 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
    Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
    Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....