Tassa rifiuti, anche a Spoleto registrati aumenti del 40 per cento negli ultimi anni

  • Letto 1048
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETORiceviamo e pubblichiamo integralmente da Confcommercio Spoleto:

    Il Presidente Tommaso Barbanera rispetto all’articolo apparso pochi giorni fà sulla stampa, nel quale la governance della VUS dichiarava di aver registrato in quest’ultima annualità un utile di 3 milioni di euro circa, enfatizzando la notizia aggiungendo che negli anni l’utile è cresciuto in maniera esponenziale fino ad arrivate al risultato largamente positivo del 2017, vorremmo esprimere alcune nostre considerazioni . Vogliamo capire come si è generato l’utile in base ai servizi di cui si occupa la società e nello specifico quello derivante dai servizi della nettezza urbana in quanto, come previsto per legge, il costo del servizio da imputare ai cittadini e alle imprese da parte dei Comuni deve essere pari al costo reale del servizio stesso.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    Si potrebbe obiettare che la VUS è una S.p.a privata, ma essendo partecipata al 100% dal pubblico, i Comuni che fanno parte della compagine sociale hanno il diritto e il dovere di verificare la gestione e qualora si registri un utile dovuto a vari fattori, quali l’incremento della raccolta differenziata o la riduzione della produzione dei rifiuti, questo dovrebbe essere ristornato ai singoli Comuni per poi abbattere le tariffe della TARI a favore delle imprese e dei cittadini. Chiediamo quindi ai comuni interessati di verificare a quanto ammonta l’utile relativo alla gestione dei rifiuti, al netto delle imposte dovute e poi chiedere alla VUS che lo stesso venga ripartito in proporzione a tutti gli Enti comunali coinvolti.
    Confcommercio Spoleto auspica per le imprese l’abbattimento delle tariffe TARI che negli ultimi anni hanno penalizzato il settore del commercio, dei servizi e quello Alberghiero. Dai dati raccolti dal portale Confcommercio nazionale www.osservatoriotasselocali.it si conferma la continua crescita della Tassa sui rifiuti pagata da cittadini e imprese – negli ultimi sette anni è aumentata del 72% nonostante una significativa riduzione nella produzione dei rifiuti . Occorre introdurre misure che garantiscono un’equa ripartizione dei costi del servizio e che rispetti il principio europeo “Chi inquina paga”

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani Casa Rossa 2022-01-22 00:26:30
    Sono stato ad ascoltare alcuni interventi dell’assemblea indetta dai Confederali sul piano Sanitario Regionale. Per capire e per conoscere. Non.....
    casa rossa spoleto 2022-01-09 15:53:57
    La Lega deve tacere,punto. Ha fatto così tanti danni a partire dal massacro del nostro ospedale, dimezzato e di nuovo.....
    Casa Rossa 2021-12-31 10:04:36
    I governi degli affari non possono imparare. Sono lì per gli interessi particolari che rappresentano. Dopo le stragi di anziani.....
    Casa Rossa 2021-12-29 19:47:05
    Sempre più ecumenici i 5 stelle. Adesso ringraziano il candidato di Fratelli d'Italia e Lega. Come siete bravi! Avrebbe detto.....
    Casa Rossa 2021-12-29 19:41:09
    Strane dichiarazioni di Cintioli. Prima si arrabbia con i 5 stelle, perché lisciano il pelo al candidato di Fratelli d'Italia.....