Spoleto2030: “Richiediamo il mantenimento della Chirurgia Ortopedica d’urgenza a Spoleto”

  • Letto 305
  • Il comunicato stampa 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    In occasione del Consiglio Comunale aperto, tenutosi lo scorso 12 gennaio ed incentrato sul cd. Terzo Polo Sanitario, né il Direttore Generale della Azienda Usl Umbria 2 né il Direttore Regionale dell’Assessorato alla Salute hanno fatto riferimento nel corso dei loro interventi ai numeri ed alla qualità della chirurgia in ambito ortopedico relativa alla frattura del femore presso l’ospedale di Spoleto.
    Lo facciamo noi con questo comunicato, raccogliendo i dati dal sito della azienda Usl Umbria 2: 76 interventi chirurgici di riduzione della frattura del femore solo nel primo semestre dell’anno 2022 a fronte di uno standard annuo di 75 interventi con riferimento ai volumi di attività, come indicato dal D.M. n.70/2015.
    I numeri ci sono tutti per reclamare il mantenimento di questo servizio ospedaliero, ancora più importante se solo si pensa che la frattura del femore è particolarmente frequente nella popolazione anziana, che vede la città di Spoleto come il comune umbro al di sopra sopra i 20 mila abitanti con la più alta incidenza di ultra 65enni (siamo oramai al 29,5% sul totale dei residenti).
     

    Perché allora non prevedere nel modello organizzativo del Terzo Polo sanitario il mantenimento della chirurgia ortopedica d’urgenza a Spoleto, tantopiù che a Foligno sono evidenti le difficoltà – come riportato ad inizio Dicembre in un post dal nostro coordinatore del Tavolo Qualità della Vita Giorgio Pallucco – a gestire i volumi di attività nei tempi indicati dagli indicatori di processo (48 ore dall’ingresso in struttura)?
    Crediamo che la logica dell’integrazione tra presidi abbia come primo obiettivo, prima ancora della suddivisione delle attività da svolgere in ogni singola struttura, la salute dei cittadini e la qualità dei servizi erogati: se non si riescono a gestire volumi ed esiti in un singolo presidio, occorre prevedere il supporto di attività da parte di un ulteriore presidio, tanto più se quest’ultimo risulta già operativo e con volumi ed esiti in grado di garantire qualità e sicurezza delle cure.
     
    lo staff di Spoleto2030

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....