Spoleto, posta la prima pietra per la coalizione di centrosinistra

“Ridare speranza ai cittadini di Spoleto è un traguardo possibile”

È nato a Spoleto il primo nucleo della coalizione del centro sinistra in vista delle prossime elezioni amministrative. Si è trattato di un incontro programmatico alla presenza di Camilla Laureti (segretaria provinciale del Pd), dei segretari comunali dei Democratici e dei Socialisti, di una folta rappresentanza dei civici di “Ora Spoleto”, della presidente e del vicepresidente dell’Associazione “Circolo Sandro Pertini” e di alcuni cittadini che hanno manifestato la volontà di partecipare come civici alla competizione elettorale quali componenti del centrosinistra.
Nel corso della riunione si è entrati nel vivo delle criticità che stanno interessando ogni aspetto della vita economica e sociale dopo i tre anni fallimentari della prima amministrazione di destra.
 
 
Due le direttrici sulle quali si muoveranno le linee di indirizzo di un programma che sarà chiaro, concreto e fattibile e sul quale ciascuna delle forze in campo sta già lavorando.
La prima parte del programma toccherà temi di ampio respiro approfittando delle opportunità messe a disposizione al PNRR e indicherà soluzioni frutto di studi approfonditi sul tessuto economico e sociale, su cultura, turismo, ambiente, urbanistica, destinazione d’uso dei contenitori storico-architettonici, istruzione, formazione e digitalizzazione solo per citarne alcuni. In tal senso il tema del lavoro sarà primario sia in termini di nascita di nuove attività che affiancando le aziende in crisi e creando nuove prospettive lavorative.
L’altro aspetto del programma andrà a toccare le “piccole opere” ovvero tutto il comparto della riorganizzazione delle manutenzioni delle aree, dei monumenti e degli edifici pubblici con un occhio attento alle frazioni e alle zone più lontane dal capoluogo. Il ruolo dell’Ase e della Vus saranno oggetto di attenta valutazione.
Un discorso a parte è destinato al tema della sanità territoriale e dei servizi ospedalieri. Aprirsi a proposte concrete e realistiche può davvero garantire un livello di sanità pubblica efficiente, realmente vicina agli utenti. Ferma restando la richiesta di integrare gli ospedali di Foligno e Spoleto, sarà indispensabile e strategico il potenziamento della medicina territoriale.
Spoleto dovrà tornare a dialogare con i territori vicini così come per anni ha fatto diventando in alcuni ambiti (vedi conservazione e restauro dei beni culturali) punto di riferimento in Umbria e fuori regione.
Il centro sinistra, in sintesi, si pone in antitesi alle destre che stanno dimostrando tutta l’incapacità di amministrare le città e le regioni. Nel caso di Spoleto questa destra sta cercando di scaricare tutto il proprio fallimento sulle spalle dell’ex sindaco dimenticando il ruolo da protagonista che ha avuto nelle scelte di quella amministrazione comunale che ha portato la città ai minimi storici.
Per dare alla città un forte segnale di rinascita e la volontà di superare per il bene collettivo steccati e personalismi a livello cittadino resta aperta la comunicazione con altre forze politiche che si riconoscono nei valori del centro sinistra per allargare i confini dell’alleanza.
In questi giorni le segreterie regionali stanno promuovendo incontri finalizzati proprio alla costruzione di alleanze sul territorio regionale tra forze che si che si riconoscono nella stessa area politica sia per la definizione del programma sia per individuare candidati comuni e condivisi per porsi come baluardo all’avanzata delle destre.
Ridare speranza ai cittadini di Spoleto è un traguardo possibile. La coalizione di centro sinistra ha energie e competenze per raggiungere questo obiettivo.
 
È quanto riferisce il Partito Democratico di Spoleto tramite una nota inviata in redazione.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Caterina 2021-07-25 00:18:57
E le scuole???? Non ne parliamo affatto?????
aurelio fabiani 2021-07-14 21:01:29
Il qualunquismi avanza, le idee muoiono. Italia morta.
Carlo neri 2021-07-12 18:31:34
Assurdo! Così si incentivano gli atti vandalici e di inciviltà.....a questo punto siamo arrivati.....forse è il fondo, ma stiamo anche.....
carlo 2021-06-16 11:54:36
Come solito, Lucidi, essendo ignorante, cioè non conoscendo i fatti, ma solo le chiacchiere, scrive del nulla.
carlo 2021-06-11 16:33:03
Ho visto spesso, dato che ci passo quasi tutte le mattine, qualche operaio a estirpare queste erbacce, ma poi ,.....