Spoleto, nuovo bando per il servizio di ristorazione scolastica online da venerdì 16 aprile

Il Comune ha predisposto il nuovo capitolato di gara per il periodo settembre 2021-agosto 2027. Attenzione alla sostenibilità ambientale e all’utilizzo di prodotti bio, IGP e locali

Un nuovo bando per affidare il servizio di ristorazione scolastica fino al 2027. Gli uffici della Direzione Servizi alla Persona hanno ultimato la predisposizione del capitolato di gara che verrà pubblicato nel sito istituzionale del Comune di Spoleto venerdì 16 aprile.

La gara arriva al termine di un lavoro lungo e articolato avviato già lo scorso anno in vista della scadenza dell’affidamento, effettuato nel 2013 e della durata di otto anni fino al 31 agosto 2021, al Consorzio ABN A&B Network sociale s.c.s.

Nel bando sono stati applicati i nuovi CAM (Criteri Ambientali Minimi) per fare in modo che il servizio in concessione sia caratterizzato da un ridotto impatto ambientale con una particolare attenzione alle percentuali di prodotti bio, IGP, locali e, allo stesso tempo, attraverso la collaborazione con la Fondazione Ecosistemi di Roma, si è lavorato sulla scorta delle Green Public Procurement (GPP), ossia con l’obiettivo di rispettare anche i principi legati alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Il valore stimato del servizio in concessione per i sei anni (1 settembre 2021 – 31 agosto 2027) è di € 6.859.728,00 iva esclusa, calcolato sulla base dei pasti medi giornalieri per la mensa scolastica delle scuole primarie, dell’infanzia e degli asili nido.

Nello specifico, tenendo conto che l’emergenza sanitaria da Covid-19 ha comportato la chiusura o la sospensione delle attività didattiche, gli uffici hanno stimato per le scuole primarie e dell’infanzia una media giornaliera di 1020 pasti fino a dicembre 2022 per un importo di € 1.321.920,00, che arriva a 1150 nel periodo successivo (gennaio 2023 – 31 agosto 2027) per una spesa complessiva di € 5.133.600,00.

Per quanto riguarda gli asili nido si va dai 63 pasti medi giornalieri dei primi tre anni (€ 89.964,00), ai 73 degli ultimi tre di affidamento (€ 104.244,00). Le altre voci di spesa considerate riguardano il servizio di somministrazione dei pasti in sei refettori (€ 150.000,00), il servizio di gestione informatica, iscrizioni online, tenuta archivio, produzione di report per sei anni (€ 60.000,00).

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Aurelio Fabiani 2021-04-29 20:27:17
NON È COL QUALUNQUISMO CHE SI SALVA L'OSPEDALE DI SPOLETO E LA SANITÀ PUBBLICA. Col qualunquismo si riciclano solo i.....
Andreas Müller 2021-04-26 21:27:06
Viele Grüße aus Deutschland für deine Musik!
carlo 2021-04-10 17:38:23
Me sta bene tutto, ma tocca esse 'mbriachi o camminare con la testa tra le nuvole. meglio che se ne.....
Le ceneri di Gramsci 2021-04-05 14:08:06
La lettura del comunicato del PD rappresenta, per chi fosse un vecchio simpatizzante, un vero insulto alla tradizione di un.....
Zorro 2021-04-03 10:46:44
Questi sono i cosiddetti civici volontari...o meglio i dott.vinavil....che vergogna solidarietà al dott marco trippetti!