Spoleto, la Sala Frau per il sociale

  • Letto 299
  • In programmazione il film ‘Perdutamente’

    Grande attenzione alle tematiche sociali e ambientali nella programmazione della sala cinematografica spoletina con una selezione speciale di film e documentari.
    In programmazione al cinema Sala Frau “Perdutamente – Non si guarisce dall’Alzheimer. Non si guarisce dall’amore.” Il film documentario diretto e guidato da Paolo Ruffini e Ivana di Biase è in programma il 14-15-16 febbraio.
    Il regista Paolo Ruffini, molto attento a tematiche sociali, conduce lo spettatore alla scoperta del mondo dell’Alzheimer e intervista persone affette dalla malattia e i loro familiari. I familiari e gli amici vengono visti come “seconde vittime” della malattia, essendo coloro che si prendono cura del malato e lo accudiscono con dedizione giorno dopo giorno. Il morbo di Alzheimer è un disturbo neuro-degenerativo che colpisce il sistema nervoso centrale, determinando decadimento fisico e cognitivo, perdita della memoria e della percezione del sé e della realtà. Il fulcro del documentario non è tanto dimostrare la complessità fisica e mentale della malattia, ma portare in scena le emozioni e i sentimenti reali che legano i pazienti ai propri cari. Durante il viaggio si raccontano diverse storie d’amore: tra compagni di vita, tra genitori e figli, tra nonni e nipoti, tra fratelli e sorelle. Un viaggio percorso da storie e sentimenti, mentre la memoria della realtà viene progressivamente sgretolata dalla malattia. L’unico legame che resta è la memoria emotiva.

    Note di regia Esiste sempre un prima e un dopo in un’avventura, e in qualche modo questo film li definisce. Prima credevo, che perdere la memoria significasse dimenticare le cose e i loro nomi, le persone, i volti, la dimensione del tempo. Durante il percorso ho compreso che l’Alzheimer è molto più di questo, perché la memoria non è semplicemente una scatola che contiene informazioni. È più come un diario, che ciascuno di noi riempie, un giorno alla volta nel corso di una vita intera. (…) È l’amore il protagonista di questo film, non la malattia. L’amore della persona malata, che non sa più chi sei ma sa di amarti. E l’amore della persona che si prende cura del malato, che ama senza condizioni, senza risposte, nel modo più disperato in cui si possa amare: Perdutamente.
    Il prossimo appuntamento con i temi legati al sociale sarà con il film “Sul sentiero blu” diretto da Gabriele Vacis. Un documentario che vede un gruppo di ragazzi autistici, in compagnia del loro medici e dei loro educatori, percorrere il sentiero della via Francigena. Nei prossimi giorni la programmazione completa.
    Per info e prenotazioni cinemasalafrau@gmail.com / 3357418616.
    Cinema Sala Frau Vicolo San Filippo, 16 06049, Spoleto (PG)

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2022-06-30 06:49:11
    Sicuramente il Sindaco Sisti sull 'ospedale e' più muto di una mummia, ma un comunicato come questo del City Forum.....
    Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
    Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio