Spoleto, il Comune raccomanda pulizia e manutenzione dei fossi, canali e terreni privati

L’assessore Zengoni:”Si tratta di un principio di civiltà. Con piccoli interventi possiamo dimostrare il nostro rispetto per l’ambiente e per la comunità in cui viviamo”

In coincidenza con l’inizio della stagione estiva e, quindi, con il particolare rigoglio della vegetazione, l’amministrazione comunale invita i cittadini ad attuare sulle proprie proprietà, confinanti con strade o terreni pubblici, quanto previsto dall’ordinanza n° 29/2015 relativa a pulizia e manutenzione dei fossi, canali e terreni privati.

Nello specifico, così come previsto anche dal “Regolamento di igiene, ambiente, sanità pubblica e veterinaria”, i proprietari sono tenuti a ripulire i fossi per il regolare deflusso delle acque ed evitare il formarsi di acquitrini. Non solo. Per evitare che la vegetazione non restringa o danneggi le strade pubbliche, è necessario regolare le siepi e tagliare i rami che vanno oltre il confine stradale nascondendo la segnaletica, creano problemi alla viabilità.

Parliamo di un principio di civiltà, prima che di una disposizione prevista dall’ordinanza – ha spiegato l’assessore all’ambiente Maria Rita Zengoni – Si tratta semplicemente di tenere pulite ed ordinate le aree verdi di proprietà, soprattutto nei punti a contatto con le strade pubbliche. È chiaro che per chi trasgredisce sono previste delle sanzioni, ma ritengo che, con piccoli interventi, sia possibile dimostrare concretamente il rispetto che la nostra comunità nutre nei confronti dell’ambiente”. 

L’ordinanza prevede infatti anche la sanzione amministrativa a carico dei trasgressori che può variare da un minimo di € 50,00 ad un massimo di € 500,00, oltre alle sanzioni previste dal Codice della Strada.

I controlli sull’osservanza del rispetto degli obblighi previsti dall’ordinanza, saranno effettuati dal Comando di Polizia Municipale nell’ambito dello svolgimento dei servizi di polizia stradale.

Nel caso in cui, durante le attività di controllo, venga ravvisato il potenziale pericolo per l’incolumità dei soggetti fruitori delle strade di pubblico transito, qualora i proprietari non abbiano provveduto ad eseguire le opere di manutenzione necessarie, l’amministrazione comunale provvederà ad effettuare i lavori e ad addebitare le relative spese al proprietario.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
Paolo 2020-06-30 22:54:58
Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....