Spoleto, Guido De Maio presenta il suo libro “La vita a brandelli”

  • Letto 204
  • Sabato 23 marzo ore 17. Palazzo Mauri

    Guido De Maio, Presidente Emerito della Suprema Corte di Cassazione, già Presidente del Tribunale di Spoleto, presenterà – alla Sala Conferenze della Biblioteca di Palazzo Mauri – sabato 23 marzo, alle ore 17, il suo libro “La vita a brandelli”.

    Nel racconto, in cui non mancano gustosi aneddoti su Spoleto, città amatissima dall’Autore, de Maio compie una ricostruzione sui generis dei vari passaggi della carriera di un magistrato, episodi di giustizia e di processi che restituiscono uno specchio della società italiana del secolo scorso.

    Oltre all’autore interverranno: Augusto Fornaci, Consigliere della Corte di Appello di Perugia, Cristina Marini, dottoressa in Filosofia e mediatore familiare e counselor gestaltico/integrato, Jessica Cardaioli, editor della Morlacchi Editore. Coordina Anna Rita Cosso, vicepresidente nazionale di Cittadinanzattiva onlus.

    Se la tematica principale rimane per tutto il libro quella della camorra, l’autore sceglie anche di presentare casi di altro tipo: violenze sessuali, abusi edilizi, morti improvvise e così via. A intervalli regolari, il ritmo della narrazione viene poi interrotto dal racconto di casi ironici e irriverenti che permettono al lettore di dimenticare per un attimo il quadro sociale non privo di ombre descritto dal magistrato. Ne risulta un testo realistico che raggiunge lo scopo di portare completamente alla luce aspetti ancora inediti del recente passato italiano.

    Guido De Maio – nato a Napoli e ora liberamente nomade tra tre diverse città (Napoli, Roma, Spoleto), a ciascuna delle quali è singolarmente legato per motivi di varia natura – è stato magistrato per ben quarantotto anni (dall’agosto 1964 al luglio 2012), durante i quali ha percorso i livelli della carriera, fino a raggiungere quelli di grado più elevato. Questo lungo excursus di vita e di esperienza ha lasciato tracce profonde nella sua anima, e ora anche in questo libro. De Maio, parallelamente al suo percorso di magistrato, ha sempre coltivato lettere e letture, pubblicando numerose opere, tra poesie e prose: I cieli dei nostri antichi tramonti (Rebellato 1973), La fragile storia (Rebellato 1981), Gli estranei giorni (Rebellato 1985), Spoleto mia (Arte Tipografica Napoli 1986), Paesi e destini (Tipografia Spoletina 1992), Approdi (Libroitaliano Edizioni 1997), Le irrisolte nebbie (Medealibri 2005).

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Vabo 2019-04-19 22:51:22
    Grande contributo e analisi politica, complimenti! Magari, quando trovate due minuti o qualcosa di rilevante da dichiarare,fate un cenno anche.....
    Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini 2019-04-12 15:19:43
    Carissimo Luca, anche a nome del Consiglio Direttivo del Movimento Gaetano Salvemini e dell'Unione Italiana Associazioni Culturali, formulo vivissimi auguri.....
    Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini 2019-04-12 12:33:07
    Caro Luca, ho il piacere di informarti che è imminente la pubblicazione del mio libro "Epuloni e Lazzari" (Analisi storica.....
    Guest lecturer "Photography and writing: a dialectic" - Greta Lorimer Photography 2019-04-10 17:18:04
    […] https://www.duemondinews.com/spoleto-una-lezione-di-fotografia-narrativa-con-greta-lorimer/  […]
    R.A. 2019-04-07 21:41:58
    La sinistra invece di infamare il m5s si dia da fare x lavorare insieme alla colacem x nn perdere posti.....