Spoleto, Forza Italia. Passato, presente e futuro

  • Letto 540
  • Analisi e considerazioni del dott. Aldo Tracchegiani sui nuovi assetti del partito

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    L’operazione di restyling di Forza Italia voluta dal presidente Silvio Berlusconi, che ha affidato il timone ai due commissari Toti e Carfagna, non sembra funzionare come dovrebbe.

    Un esempio calzante può essere il caso di Viterbo, terra fedelissima di Tajani, dove il coordinatore provinciale, Sabato 19 Luglio, ha infranto il divieto di astenersi dall’assumere decisioni che comportino cambiamenti negli assetti politici e amministrativi, organizzando un congresso “fai da te”.

    Quindi la nuova “ricetta” creata dal presidente Berlusconi sembra non trovare la totalità dei consensi all’interno del partito.

    Intanto, sondaggi alla mano, la Lega di Matteo Salvini vola sempre più in alto e supera il 37 per cento mentre Fratelli d’Italia, ormai certificato quasi da tutti gli istituti demoscopici, ha messo la freccia per il sorpasso definitivo.

    Questi dati dimostrano chiaramente comel’area politica centrista e moderata rappresentata dal nostro partito, sembra aver perduto voti e mordente nel corso degli ultimi anni.

    Nonostante questa panoramica disastrosa c’è ancora qualcuno convinto che si possa ritrovare il consenso di un elettorato ormai stanco dei soliti volti, raccogliendo attorno a se​ esponenti e cittadini dell’area cosiddetta “moderata” e centrista per dar vita ad un movimento di opinione, uno spazio politico fatto di idee e di una progettualità che per il momento sembrano mancare all’interno delle file di Forza Italia.

    Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, sta lavorando ormai da qualche mese per rendere concreta l’idea di rinnovamento del partito puntando a riconquistare il consenso dell’elettorato moderato di centro destra.

    Nonostante fosse stato uno dei primi a manifestare il proprio dissenso nei confronti dell’organizzazione del partito, attaccando ripetutamente i vertici di FI colpevoli di aver ignorato il declino, Toti ha dato il via ad una corrente di pensiero che si discosta dai diktat dettati dal Presidente che nel frattempo resta arroccato intorno al “cerchio magico” dei suoi fedelissimi.

    Il coordinatore di Forza Italia Spoleto accoglie con entusiasmo le proposte lanciate dal governatore della Liguria Toti, trovandosi in totale accordo su molti punti ed in particolare​ approvando quella linea politica fatta di azione, identità e progettualità che ormai sembra essere un vecchio ricordo targato “Forza Italia 1994”.

    Dr. Aldo Tracchegiani

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2019-10-22 07:44:46
    Sì, ma non è Piazza del mercato, ma via Arco di Druso!
    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.