Spoleto, alla Rocca Albornoz una conferenza sul “Ducato longobardo di Spoleto fra Pavia, Roma e i Franchi”

  • Letto 265
  • “Incontriamoci alla Rocca”, venerdì 15 marzo, alle ore 17

    Venerdì 15 marzo, alle ore 17, alla Rocca Albornoz di Spoleto, per il ciclo “Incontriamoci alla Rocca”, organizzato dalla direttrice Paola Mercurelli Salari, conferenza di Stefano Gasparri sul “Ducato longobardo di Spoleto fra Pavia, Roma e i Franchi”.

    Docente di Storia medievale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, Stefano Gasparri si è dedicato allo studio delle società altomedievali (IV-XI secolo) e in particolare all’Italia longobarda e carolingia. Fra i suoi lavori: “La cultura tradizionale dei Longobardi. Struttura tribale e resistenze pagane” (1983); “I milites cittadini. Studi sulla cavalleria in Italia” (1992); “Prima delle nazioni. Popoli etnie e regni fra antichità e medioevo” (1997 e 2000); “Alto Medioevo mediterraneo” (curatore, 2005). L’ultimo suo libro, “Voci dai secoli oscuri.Un percorso nelle fonti dell’alto medioeevo” (2017), propone un itinerario dal VI al IX secolo attraverso fonti tradotte e interpretate. Nonostante siano stati etichettati in modo semplicistico come “secoli oscuri”, quelli dell’alto medioevo sono importanti, secondo l’autore, per la nascita di un nuovo mondo, diverso dall’antico ma al tempo stesso profondamente radicato in esso, caratterizzato da una società dominata da una cultura di guerra e dalla religione cristiana.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.
    Marco Morichini 2019-10-08 22:50:46
    Spero che la notizia del raddoppio ferroviario Terni-Spoleto non sia solo campagna elettorale!