«Rispettare la minoranza vuol dire rispettare e dare ascolto a metà citta»

  • Letto 541
  • Lisci, Trippetti, Erbaioli, Laureti e Renzi commentano il Consiglio comunale di ieri e presentano un’interrogazione sulla vicenda della pedalata sulla Spoleto-Norcia

    (DMN) Spoleto – “Cinque volumi, 300 pagine circa divise per argomento, con gli obiettivi, i rischi e le modalità da utilizzare in caso di emergenza descritti nel Piano di Protezione Civile approvato ieri in Consiglio comunale – purtroppo – solo dai consiglieri di maggioranza.”

    É quanto affermano in una nota congiunta i consiglieri comunali Stefano Lisci, Marco Trippetti, Carla Erbaioli (Partito Democratico), Camilla Laureti (Per Spoleto) e Luigina Renzi (Ora Spoleto).

    “Peccato! – continuano i cinque consiglieri comunali – Perché quando gli argomenti trattati in consiglio riguardano non una o un’altra parte politica ma i cittadini, come in questo caso, ci piacerebbe poter votare a favore. Purtroppo non è stato questo il caso e siamo stati costretti ad uscire dall’aula e non votare il Piano di Protezione Civile dopo aver chiesto un passaggio in più in Commissione, dove il Piano è stato discusso una sola volta, tra l’altro con la partecipazione del Movimento 5 Stelle e di nessuna altra forza politica cittadina. Siamo usciti dall’aula denunciando un non coinvolgimento non solo dei consiglieri comunali ma anche delle associazioni di volontari che dovranno mettere in pratica il Piano. Per l’ennesima volta siamo costretti a ricordare a questa amministrazione che la partecipazione non è un obbligo ma dovrebbe essere la base del senso istituzionale. 

     

    Il consiglio di ieri – che come sempre si è aperto con le diverse comunicazioni – ha raggiunto il limite della mancanza di senso istituzionale e di rispetto per le opposizioni nel momento in cui a nessuna di queste è arrivata una risposta da parte della Giunta. Eppure gli argomenti erano di interesse per la città: dalla ‘mancata’ Spoleto-Norcia in Mtb, ai tempi per la ricostruzione della scalinata di Piazza Pianciani fino alla richiesta di chiarimenti sui tempi del Bilancio comunale che deve essere approvato entro la fine di marzo. 
     
    Quando poi abbiamo discusso le mozioni all’ordine del giorno ci siamo resi conto sin da subito che questa amministrazione non ha tempo – e forse neanche la voglia – di leggerle al punto che quando si è discusso di quella sull’inserimento di Spoleto nell’area di crisi complessa, l’Assessore allo Sviluppo economico ha candidamente ammesso di non averla letta.
     
    Un consiglio in chiusura lo vogliamo dare a questa amministrazione – concludono – a volte può succedere che le proposte che arrivano da quest’altro lato del Consiglio non siano tutte da buttar via. Leggerle o ascoltarle potrebbe non essere tempo sprecato!”

    Sempre nella giornata di ieri, gli stessi consiglieri hanno presentato un’interrogazione al Sindaco de Augustinis di cui pubblichiamo integralmente il testo:
     

    OGGETTO: Interrogazione sulla Spoleto-Norcia in Mtb e sul bando comunale sulla cicloturistica

    Premesso che

    • Siamo in un momento in cui il turismo ciclabile, insieme al turismo dei cammini, è quello più ricercato da chi sceglie la meta di un viaggio. Il turismo lento è, e può diventare sempre di più, un asset essenziale per lo sviluppo economico della nostra città.

    • In Italia esiste un sistema di ciclovie turistiche – pensiamo solo all’ultima nata la “Garda by bike” che con un anello di 140 chilometri circonda il Lago di Garda – al quale la legge di stabilità del 2016 aveva assegnato per il triennio 91 milioni di euro di finanziamento e tutto il sistema di ciclovie turistiche nazionali è stato messo in rete.

    • Noi abbiamo nel nostro territorio il tracciato che corre sulla vecchia ferrovia che collegava Spoleto a Norcia, una greenway tra storia e natura, riservata alla mobilità dolce e un altro tracciato che da Spoleto porta ad Assisi. Solo 3 anni fa al Cosmo Bike Show la ciclovia Assisi – Spoleto – Norcia è stata premiata come più bella d’Italia, preferita anche alla Dolomiti-Venezia e alla Cycling riviera della Liguria, solo seconda e terza. Oltre i paesaggi naturali e i borghi, a conquistare gli organizzatori dell’appuntamento fieristico internazionale dedicato al mondo delle biciclette è stato il tracciato del tratto della ex ferrovia Spoleto-Norcia, dove sono presenti gallerie e viadotti che scalano la montagna con percorsi elicoidali in tutta sicurezza e pendenze non superiori al 4,5%.

    • Sul tracciato della vecchia ferrovia Spoleto – Norcia, per la prima volta nel 2014, l’associazione Spoleto-Norcia in Mtb organizza una gara ciclistica che negli anni ha aumentato di molto la sua popolarità e il numero di iscrizioni che, nel 2018, sono state circa 2mila. La gara ciclistica, che di solito avviene a fine agosto inizio settembre, è un altro di quei motivi per i quali si parla di Spoleto anche al di fuori del nostro Paese.

    Considerato che

    • In questi mesi sono state diverse le dichiarazioni su anomalie che riguardano il progetto Erasmus Sport Give a Change, collegato alla Spoleto-Norcia in Mtb. Il sindaco, da sua ultima dichiarazione, ha fatto riferimento a 27 criticità relative al progetto collegato alla manifestazione, su cui la Comunità Europea avrebbe chiesto chiarimenti.
    • Nei giorni scorsi il Comitato organizzatore ha dichiarato che la partenza della prossima edizione della Spoleto-Norcia in Mtb da Sant’Anatolia di Narco e non più da Spoleto. Nelle stesse ore è uscita la notizia che il Comune sta preparando un bando per l’affidamento dell’organizzazione di una cicloturistica lungo il tracciato della vecchia ferrovia Spoleto – Norcia.

    INTERROGANO il Sindaco e/o l’Assessore competente per sapere:

    – Quali sono le motivazioni che hanno portato a non incontrare il Comitato organizzatore della MTB Spoleto-Norcia fino ad arrivare alla rottura e alla conseguente perdita di una importante iniziativa per la città e il suo turismo in bici

    – Quali sono le 27 criticità relative al progetto e quali le richieste specifiche da parte della Comunità europea

    – Se il Comune sta per pubblicare un bando per l’affidamento dell’organizzazione di una cicloturistica lungo il tracciato della vecchia ferrovia Spoleto – Norcia. Se si, come si intende procedere e se sono stati già fatti dei passi in questa direzione.


    Spoleto 21 febbraio 2019

    I consiglieri comunali

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Andrea 2021-01-06 11:10:41
    Vengo anch'io!!!!!!
    Antoaneta Dzoni 2021-01-05 19:05:23
    Vorrei partecipare
    Luca filipponi 2021-01-05 15:17:41
    Vorrei ringraziare per il suo impegno e sensibilità verso l'arte e la cultura la redazione di duemondinews buon 2021!
    Cesaretti Sergio 2020-12-07 23:28:30
    La maggior parte di quei personaggi; l'ho tutti conosciuti....sono del 1941, natio di Spoleto, in via San Giovanni e Paolo,.....
    Giorgio 2020-12-03 14:59:14
    Una considerazione che vorrei fare: ho letto che l'intervento complessivo praticamente ammonterebbe ad un milione e trecento mila € ok?.....