Riconfigurazione Ospedale di Spoleto, pressoché ultimati gli interventi di allestimento e messa in sicurezza delle aree e dei reparti Covid

  • Letto 256
  • Il commissario Usl Umbria 2 Massimo De Fino: “Sforzo straordinario degli staff tecnici e sanitari, pronti per sconfiggere il virus e tornare presto alla normalità”

    Procedono incessantemente, giorno e notte, i lavori di riconfigurazione dell’ospedale “San Matteo degli Infermi” con l’allestimento delle aree destinate alla cura dei pazienti positivi al coronavirus e la ricollocazione dei servizi e delle attività ospedaliere e ambulatoriali per tutti gli altri utenti.

    È già pienamente operativo, con la totale occupazione dei posti letto disponibili, il padiglione della RSA che accoglie 16 pazienti Covid-19 trasferiti nei giorni scorsi da altre strutture. Sono inoltre terminati gli interventi di messa in sicurezza dell’area medica con la disponibilità di 15 posti letto, di cui 12 già occupati e della terapia intensiva con 6 posti letto di cui uno già occupato, strutture che accoglieranno nelle prossime ore altri soggetti positivi che necessitano di cure ospedaliere. Complessivamente sono 36 i posti letto già allestiti al “San Matteo degli Infermi” in soli 5 giorni. Nelle prossime ore, completati gli ultimi lavori per garantire la massima sicurezza agli operatori sanitari ed ai pazienti stessi, si arriverà ai primi 70 posti letto previsti dall’attuale piano regionale di gestione dell’emergenza sanitaria, con previsione di ottenerne altri ove ci fosse la necessità, e contestualmente verranno trasferiti e resi operativi, già da lunedì prossimo, i servizi ambulatoriali ed ospedalieri nelle aree “pulite” con percorsi rigorosamente separati ed autonomi dai reparti Covid.

     

     

    Come riferito nelle precedenti comunicazioni, è prevista la ricollocazione di alcune attività ambulatoriali distrettuali nella sede di via Aldo Manna, in tempi utili l’azienda sanitaria informerà puntualmente e in modo dettagliato la cittadinanza e gli utenti, nonché il mantenimento di attività ordinarie ambulatoriali, di radiologia, di dialisi, del day hospital oncologico.

    Il commissario straordinario dell’azienda sanitaria Usl Umbria 2 dr. Massimo De Fino intende ringraziare quanti – e sono molti – hanno lavorato giorno e notte per raggiungere in tempi rapidi questo importante obiettivo, che si è reso necessario per l’aumento esponenziale della curva dei contagi.

    “Alle ditte interne ed esterne di manutenzione che hanno lavorato senza sosta, ai nostri uffici tecnici e amministrativi, agli operatori delle cooperative sanitarie e di servizio, alla Direzione Sanitaria e di Presidio, al nostro staff sanitario e a tutti i professionisti dell’ospedale di Spoleto e di Foligno che si stanno integrando nell’assistenza al paziente, che hanno offerto e continueranno a fornire un prezioso contributo con grande spirito di squadra, unità di intenti e massima dedizione – afferma il manager sanitario – sento il dovere di esprimere gratitudine e riconoscenza insieme al sentimento di orgoglio di guidare e supportare il loro impegno che risulterà decisivo per sconfiggere questo nemico invisibile e tornare presto alla normalità”.

    Nota della Direzione Azienda Usl Umbria 2 del 30 ottobre 2020

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    carlo Bussoni 2020-11-23 07:16:54
    In effetti si tratta di via esterna delle mura. Anche io faccio sempre confusione...interna...esterna.....
    Max 2020-11-22 18:39:24
    Via Interna delle Mura si trova in un'altra parte di Spoleto, è la parallela del tratto in piano di viale.....
    Carlo Neri 2020-11-05 18:14:10
    Per 150 euro al mese, ci vada il sindaco a pulire i cessi!
    Aurelio Fabiani 2020-10-29 09:13:13
    SENZA VERGOGNA. La Destra si "intorcina" tra facce impresentabili e ipocrisie sconfinate. I due signori rappresentanti dell'estrema Destra umbra che.....
    Paolo 2020-10-25 10:49:21
    Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....