Strade, ferrovie, banda larga, investimenti: la “Carta di Spoleto” è realtà