Non ce n’é Coviddi – I finti Influencer

  • Letto 355
  • di Sandro Mecodangelo 

    Da settimane siamo bombardati da questa Signora “Angela Chianello” e dal suo sfogo contro il COVID 19.
    La maggior parte di noi grida allo scandalo che questa signora sia diventata in poco tempo una ”influencer” avendo raggiunto in pochissimo tempo 188 Mila Follower su Instagram!!! Più di Alberto Angela!!!
    Spieghiamo subito questa “signora” non è un influencer!

    Facciamo prima una bella precisazione cosa si intende per Influencer.

    Si intende influencer “un individuo che è in grado di influenzare in modo rilevante le opinioni e gli atteggiamenti degli altri in ragione della sua reputazione e autorevolezza rispetto a determinate tematiche o aree di interesse.”
    Nell’accezione del Digital marketing moderno questo concetto ha preso anche connotati quantitativi, ovvero una persona che avendo un ampio seguito di pubblico, è in grado di raggiungere con i suoi messaggi un numero potenzialmente alto di individui, creando così i presupposti per una propagazione su larga scala dei messaggi, il passaparola.
    Ma per definirsi tali queste persone almeno devono possedere un grado di conoscenza elevato relativamente a prodotti o servizi, oppure li utilizzano abitualmente e quindi sono considerati esperti, tanto che le loro opinioni arrivano a influenzare quelle di altri consumatori orientandone le scelte.

    Voi vi fareste consigliare/influenzare da questa signora? Io neanche nella scelta del bagno pubblico più vicino.

    Come scegliere l’influencer giusto?

    Proprio per il ruolo determinante che gli influencer svolgono all’interno dei processi comunicativi, essi vengono spesso utilizzati dalle aziende per pubblicizzare prodotti o brand che rientrano nella loro sfera di influenza. Si parla infatti di influencer marketing o influence marketing.
    Questa pratica è molto complessa perché scegliere l’influencer giusto è un lavoro molto delicato visto che poi il Brand (l’azienda) non prende solo le parti positive del suo influencer ma anche le parti negative, ovvero comportamenti sopra le righe, scandali, reputazione o altro.
    Difatti molte aziende per ovviare a questi problemi e anche spendere di meno stanno focalizzando la loro politica di influencer marketing a micro-influencer, macro-influencer (da 10.000 fino a 500.000 follower) per 3 motivi

    1. Costano di meno
    2. Hanno un target più focalizzato (settore specifico, conoscenze focalizzare, ruolo, ecc…)
    3. i loro dati sono più controllabili e misurabili (quante conversioni Reali mi portano)

    Dato fondamentale nella scelta è l’engagement dei post dell’influencer, ovvero la percentuale di interazione che ha nei post in relazione ai follower, che dovrebbe essere come minimo tra il 3% e il 5% e la qualità dei commenti lasciati dai followers.
    Inoltre nella scelta dell’influencer va da sé la sua storia, ovvero:

    • Come ha preso i suoi followers?
    • In quanto tempo?
    • Quali post hanno fatto più presa e perché?
    • Con quanta frequenza crea post?
    • I profili che lo seguono sono reali o BOT?
    • Ha avuto nel tempo crescite e decrescite pesanti?
    • Che hashtag utilizza

    Sono domande basilari ma ci fanno capire se l’influencer scelto è vero è capace e possa portare un valore aggiunto alla nostra attività.
    Concludendo con la Signora COVIDDI più che di influencer io parlerei di “meteora” pompata dai media e dal voyeurismo che spopola sui social soprattutto si Instagram.

    Se avete qualche domanda non esitate a contattarci.

    Digital Social Scout

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    One Comment For "Non ce n’é Coviddi – I finti Influencer"

    1. Ottobre 13, 2020

      Instagram sembra pieno di “Influencers”, ma la maggior parte di queste persone non capisce che si tratta di un vero e proprio lavoro che richiede impegno e dedizione.

      Rispondi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2020-10-29 09:13:13
    SENZA VERGOGNA. La Destra si "intorcina" tra facce impresentabili e ipocrisie sconfinate. I due signori rappresentanti dell'estrema Destra umbra che.....
    Paolo 2020-10-25 10:49:21
    Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....
    Viscos 2020-10-23 19:02:40
    .. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
    Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
    I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
    Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
    Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....