Nomine Vus, il PD: «Esiste ancora una maggioranza attorno al Sindaco?»

  • Letto 569
  • Comunicato stampa del Partito Democratico di Spoleto

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Ci chiediamo se in questa città esista ancora una maggioranza attorno al suo Sindaco, se esista una seria programmazione per lo sviluppo del territorio e soprattutto se ci sia interesse ad investire sulla selezione meritocratica di una nuova classe dirigente: a noi sembra nulla di tutto ciò, in quanto tutto viene lasciato al caso, alla giungla degli interessi di partito e di poltrona. 

    Non possiamo neanche parlare di “interessi campanilistici” perché siamo arrivati al paradosso che dei politici spoletini plaudano alle scelte di interesse di sindaci di altre città che poco hanno a che vedere con gli interessi di Spoleto.

    Vincenzo Rossi, spoletino in pensione, proposto e quindi espressione di Foligno quale Presidente della VUS, con Spoleto nella persona del Sindaco, isolata e che lascia polemicamente l’assemblea: spoil system con occupazione di tutti i posti possibili. Probabilmente appena un anno di incarico durante il quale il neo Presidente della VUS non potrà programmare granché.

    La situazione attuale è un centro destra spaccato anche in area vasta e il rischio concreto – e qui siamo d’accordo con il Sindaco De Augustinis – di conseguenze legali con esborso dei cittadini per via delle scellerate decisioni di Foligno di azzerare il CdA della VUS nonostante il parere contrario di Spoleto, Valnerina e tanti altri comuni dell’Area vasta.

    La nostra visione sulla vicenda è chiara: dopo Ase e farmacie comunali si continuano a nominare (o a lasciar nominare) profili di persone già in pensione, rinunciando quindi a programmazioni di lungo termine e ad investire su una nuova e giovane classe dirigente spoletina, che magari non faccia gli interessi di un partito o peggio ancora che siano espressione degli interessi di una città diversa da Spoleto, o almeno così ci è parso di capire dalla forte rivendicazione del Sindaco di Foligno sul nome di Rossi, oltre che dall’isolamento del Sindaco di Spoleto che ora viene scaricato anche dai suoi stessi consiglieri di maggioranza che hanno sostenuto pubblicamente le scelte del Sindaco di Foligno.

    Con la responsabilità che da sempre ci contraddistingue siamo disposti a ragionare con il Sindaco – e con tutti i consiglieri comunali che lo vorranno – a far tornare al centro dell’azione politica spoletina solo gli interessi della città; ovviamente in tal caso la crisi di questa maggioranza andrebbe portata in seno al consiglio comunale.

    Partito Democratico Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
    Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
    Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....